Verrines di uva nera e mele nuove

Buongiorno, buon lunedì :) E' dura convincersi di ciò, lo so, ma proviamoci!
Ahimè a 'sto giro devo saltare il flower monday, ma mi auguro che questo rosa pacato riesca ad addolcirvi la pillola amara dell'inizio settimana. Io ho adorato questo dessert dacchè l'ho visto sulle pagine di Cucina Naturale. E' quasi impossibile credere e non cedere alla ricetta: pochi ingredienti, semplice e salutare, deliziosa, ha stupito la metà.
Ha una dolcezza decisamente marcata, completamente naturale e senza zucchero aggiunto: soltanto quello della frutta autunnale, la nuova, delicata e vibrante, pronta a trasformarsi in succo.
Provate, e sappiatemi dire.
Dolce lunedì, dunque!


Verrines di uva nera e mele nuove
 per tre

uva nera ben matura 400 g
mele di stagione 1/2
limone non trattato 1/2
maizena 15 g
biscotti secchi sbriciolati

Lavate l'uva, recuperate gli acini e privateli dei semi. Frullateli pochi per volta nel bicchiere del minipimer, poi passate la purea ottenuta con un colino a maglie fitte: dovreste ricavare circa 250 ml di succo.
Stemperate in un pentolino la maizena con uno o due cucchiai di succo di limone, fino ad ottenere un composto liscio e senza grumi. Unite il succo d'uva, trasferite su fuoco dolce e fate sobbollire, mescolando per qualche minuto, o fin quando la salsa comincerà ad addensarsi. Suddividetela nei bicchierini e sistematela in frigorifero per almeno un'ora.
Lavate, sbucciate e tagliate a piccoli dadini la mela, bagnatela con poco succo di limone. Cuocetela  per una decina di minuti a fuoco molto basso, nel pentolino che avete utilizzato per il succo d'uva. Frullate con il minipimer e lasciate raffreddare.
Versate la crema di mela su quella d'uva e trasferite nuovamente in frigorifero per almeno un paio d'ore. Servite le verrines ben fredde con una spolverata di briciole dei biscotti secchi.

11 commenti:

  1. adoro le ricette buone e naturali..... lo proverò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa merita di diritto entrambi gli aggettivi, garantisco. Fammi sapere com'è andata!

      Elimina
  2. Questa mi piace moltissimo. Leggera e sana, davvero un comfort good ideale per queste prime piogge autunnali.
    Buon lunedì, Wenny :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, e il bello è che puoi prepararla *placidamente*, durante il pomeriggio, mentre leggi un libro, lavori a maglia o... beh, sì, ci potrebbe stare anche un antipatico *studi* ;)
      Un bacio!

      Elimina
  3. Buondì cara, è una di quelle ricette che mi affascinano per la sua golosa genuinità. Ma sai che mi era proprio sfuggita?!? Mi spaventa il passaggio di togliere i semini dagli acini...: queste operazioni mi annoiano + spazientiscono ma sembra così delicata e deliziosa che un tentativo con questa frutta di stagione così buona si può fare!
    Passa una buona, buonissima giornata :)
    Sissa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non preoccuparti!!! Sembra più terribile di quanto in realtà è. Dopo qualche acino prendi la mano e ti velocizzi, e poi non è che ne occorra una gran quantità, vedrai.
      Un abbraccio grande grande :*

      Elimina
  4. Speriamo che la settimana, nonostante le piogge autunnali, abbia il colore delicato e luminoso del tuo dolce.
    Sai che non ho mai preparato le verrines in vita mia? stemperare ed addensare mi sembrano operazioni complesse e al di fuori della mia portata...
    Claudette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh sì sì, i colori dell'autunno, quanto sono belli. E tra poco inizia Ottobre, il mese che più di tutti amo.
      Non preoccuparti per la fase di stemperaggio: è semplice e la maizena è molto *docile*. Tu gira gira mescola mescola, vedrai che in breve tempo verrà fuori una cremina liscia: non addensarla troppo, perchè anche da spenta il processo continua per un po'. Ma soprattutto non farti mettere in soggezione da questi passaggi: tanti tacciano besciamella, pasta frolla, creme varie e maionese come soggetti al limite del possibile. Non è assolutamente così, basta affrontarli di petto {sul blog trovi la ricetta di besciamella e maionese: non hanno toppato una volta una, e non mi hanno mai fatto impazzire}!
      Buona cucina!

      Elimina
  5. Sembra in effetti di una semplicità sorprendente, ma porta in se tutti gli ingredienti per essere delizioso.. Lo provero' sicuramente anch'io! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merita assolutamente, prima che l'uva finisca!

      Elimina
  6. Amo il vostro articolo, lo trovo molto ben scritto e strutturato cambia perché spesso non arriva a vedere questo tipo di articolo.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...