Via un peso dal cuore

via un peso dal cuore
Tazza di caffè {a sinistra} e tv che trasmette lo speciale condotto dalla Berlinguer sul Referendum.

Via un peso dal cuore.

Sono sollevata. Ed orgogliosa, felice di essere parte di questa storia che ha del meraviglioso. La Bindi mi ha fatto sorridere, quando ha ricordato la manifestazione delle donne, *se non ora, quando?*, considerandolo un segnale forte e chiaro {ve lo ricordate voi?}.
Mi sento forte, mi sento rincuorata e compresa: quanta gente vicina, quanta attività e creatività, quanti giovani, quanta comunicazione. E mai, mai, mai sconforto {quanti miei volantini ho visto accartocciare! Ma sul lunotto della Ford il *SI* c'è rimasto fino all'ultimo!}.

Ecco, al momento sono in una sorta di rapimento estatico, incapace di articolar discorsi troppo complessi :)
Ma 'sto post *dovevo* scriverlo, dovevo togliermi questo peso dal cuore.

A presto!

21 commenti:

  1. io tazza di thè affumicato [a sinistra ;-P], e pc avanti agli occhi, perchè con mezzo cervello mi tocca lavorare, ma l'altro mezzo, + il cuoricino, indovina dove sono?????
    XD

    RispondiElimina
  2. evviva! ci siamo proprio tolte un peso dal quorum! ;) Wenny, hai fatto benissimo a scrivere questo post! Anch'io con in mano una tazza ma di latte :) Speriamo che le cose stiano davvero (pian piano) migliorando! A presto! SiLviA

    RispondiElimina
  3. anch'io tazza di té ed un biscotto e sintonizzata su rai 3 mi godo finalmente il risultato del "quore", orgogliosa finalmente di essere in mezzo a italiani saggi :)))

    RispondiElimina
  4. ....e consapevoli,!! aggiungo ^^

    RispondiElimina
  5. Che carine tutte *brindanti* :D
    Sono proprio felice di sentirvi così ragazze, soprattutto la Pat e la Silvia, così lontane ma così vicine <3
    Baci!

    RispondiElimina
  6. Io niente TV perché sono ancora in ufficio, passo da te per leggere l'aggiornamento al volo ed apprendo la grandiosa notizia! (non ci credevo, sai!?!?!) Si ha bisogno di questi segnali. Mi unisco anche io al brindisi collettivo!
    Baci!
    Sissa

    RispondiElimina
  7. Oggi è una giornata importante!
    Oggi che finalmente dopo tanto tempo sono orgogliosa di sentirmi Italiana...
    Oggi è una splendida giornata!
    :-)

    RispondiElimina
  8. SI, dovevi proprio scriverlo questo post. Quanto sono orgogliosa di questa Italia.
    :)

    RispondiElimina
  9. solitamente articolo qualche parola in più... ma stavolta, anche solo un :-) ci può stare.
    anzi un :-D
    ecco.

    RispondiElimina
  10. Mi sono appena svegliata nel silenzio della casa (ancora tutti i miei "omini" dormono) ma con il cuore colmo di gioia e benefica grintosa euforia...era un pò che non mi sentivo così ;-)

    RispondiElimina
  11. Certo che dovevi scriverlo, Wenny!
    È bello partecipare e far partecipi gli altri della propria gioia!
    E ora è importante non mollare!
    Saluti esultanti e affettuosi

    RispondiElimina
  12. mi associo sono stata in ansia fino all'ultimo ... ma in fondo sapevo che nn sarebbe potuto andare diversamente.. sospiro di sollievo e farfalle intorno .... quattro si per la magnifica giornata di ieri.;) quattro si ha chi ha avuto a cuore il proprio paese e il proprio futuro.

    RispondiElimina
  13. Sono così felice di leggere tutte voi, ognuna con la sua storia :)

    RispondiElimina
  14. Guarda, io quasi ancora non riesco a crederci... non riesco a credere che il 59% di questo paese abbia finalmente alzato la testa. Vorrei essere abbastanza giovane da sperare che qualcosa possa cambiare; vorrei essere abbastanza vecchia da ricordarmi di quando la politica si nutriva di ideali. Invece sono qui, né carne né pesce, che mi godo il momento la certezza che per adesso nessun mostro cancerogeno potrà essere costruito nel giardino dei cani (perché non è né mio, né del comune, quello è il parco giochi dei cagnolini), che nessuno potrà lucrare sull'acqua che bevo, che forse qualche disonesto finirà ospite delle patrie galere (quindi caperà sempre a nostre spese, ma, almeno, a un tenore inferiore di quello dei parlamentari).

    RispondiElimina
  15. La parola che ricorre di più nelle nostre esternazioni è FINALMENTE. E la dice lunga, parla di sofferenza a lungo subita, di amarezza strisciante nella vita di tutti i giorni, di cupezza e oppressione lunga mesi e anni e anni. Ma "finalmente" è il guizzo del cambiamento, il fallimento di ogni rassegnazione, è il nuovo che avanza ancora una volta, a dispetto di tutto e tutti.
    Ti stringo forte forte in questi giorni di effervescenza in cui abbiamo riscoperto di essere ancora vivi e uniti !

    RispondiElimina
  16. Sono molto felice per voi, finalmente, sono orgogliosa anche, sono sollevata pure, anche a me pesava sapere l'Italia tra quelle mani.. Non è finita la partita, ma che bello comunque, questo voto..

    RispondiElimina
  17. Pensa quando i nostri pronipoti lo studieranno a scuola...bello, vero? ;)

    RispondiElimina
  18. @Onde99 @Marilì: grazie ragazze. Quando vedo che la gente lascia commenti come i vostri mi commuovo -davvero. Significa che ha letto tutto il post e... può non esserne felice colui che l'ha scritto? :)
    Baci!

    @Ellemme: grazie tesoro, che pensiero dolce :)

    @Blueberry: questo ancora non lo avevo realizzato... è meraviglioso!!! :D

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...