Farinata toscana our way

farinata toscana
A proposito di farinate e prima di andare fuori stagione...
Questa qui è la storica farinata di casa nostra, relativamente tradizionale: come tanti piatti cosiddetti *tipici regionali* infatti, ha la caratteristica di possedere varianti sul tema, tante quante sono le nonne che le hanno tramandate alle figlie :)
C'è chi ci mette le patate, chi la pancetta, chi la cipolla, chi le verdure le fà soffriggere e chi le fà stufare... ma se dici farinata, qui, dici comunque cavolo nero e farina di granoturco rimacinata. A pietra.

Farinata toscana {quella di casa}

fagioli borlotti 100 g
alloro fresco 2 foglie
porro 1
carota 1
sedano una costa
cavolo nero una decina di foglie
peperoncino rosso piccante fresco 1/2
peperoncino in polvere 1/2 c
farina di granoturco setacciata macinata a pietra qb {per noi l'ottima ed impareggiabile Antico Mulino Margheri}
sale
pepe
olio evo nuovo

Mettete in ammollo i fagioli per una notte. Il giorno successivo cuoceteli in una pentola capiente in abbondante acqua aromatizzata con l'alloro. Scolateli con un mestolo forato e teneteli da parte; lasciate in caldo l'acqua di cottura.
Lavate e mondate tutte le verdure: eliminate le coste dure del cavolo e tagliatelo a listarelle, affettate ad uno spessore di 3-4 mm il porro e riducete a dadini la carota ed il sedano. Portate ad ebollizione l'acqua di cottura dei fagioli e versatevi le verdure: se queste non rimangono coperte aggiungete altra acqua calda {tenete a portata di mano un bollitore carico, che in questi casi è utilissimo}; regolate di sale e di pepe e aggiungete il peperoncino  fresco tagliato a fettine e quello in polvere. Quando si sono ammorbidite cominciate ad aggiungere a pioggia la farina: è importantissimo che mescoliate continuamente e che la farina sia ben setacciata, altrimenti si formeranno grumi difficili da sciogliere. Tenete presente di dover lasciare la farinata molto *lente*, cioè fluida, perchè una volta fuori dal fuoco tende a rapprendersi molto. valutate secondo il vostro gusto quanta farina mettere: una volta aggiunta tutta, calcolate 40' circa di cottura. A 10' dalla conclusione aggiungete i fagioli.
Togliete dal fuoco e servite con un giro d'olio evo.

N.b.: la farinata è ottima anche il giorno dopo. Si può mangiare come la polenta, ovvero tagliata a fette ed abbrustolita {non fritta però}, oppure riscaldarla, allungandola con molta acqua, gustandola nuovamente come zuppa :)

28 commenti:

  1. che buonaaaa adoro la farinata...

    RispondiElimina
  2. Come sono belle le ricette di famiglia, quelle che si tramandano affettuosamente e religiosamente!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Ancora più ricca e gustosa. La foto è bellissima, dà serenità ;-)

    RispondiElimina
  4. Ma sul serio è una ricetta nostrale? Ci credi se ti dico che non l'ho mai assaggiata? Dev'essere buonissima!

    RispondiElimina
  5. Una bella ricetta ricca non solo di sapore ma sopratutto di "SAPERE di famiglia". Ricette così racchiudono in sè un mondo intero :)

    RispondiElimina
  6. Anche a me manca! Però mi hai messo una curiosità... Come sai, adoro queste ricette che si tramandano di madre in figlia, nonna in nipote,... :)
    Foto splendida!
    Buon mercoledì!

    RispondiElimina
  7. Da piccola la mamma me la faceva sempre...magari fosse stata così condita! Infatti la detestavo...ma per una farinata come questa potrei cancellare quel ricordo e mangiarne un bel pò perchè sembra davvero molto sfiziosa!

    RispondiElimina
  8. @Babette: anch'io. L'ho scoperta tardi a dir la verità, ma adesso sto recuperando {la prepariamo ogni tre per due!} :)

    @Duck: è vero. Tempo fa pubblicai quella della minestra di riso: mi sembrava così banale, quasi sciocco, ma decisi di farlo ugualmente. E feci bene, a giudicare dai commenti che ricevetti :)
    Un abbraccio a te

    @Edda: a me piace poco e nulla quella fotografia. Ma se mi dici così, mi sforzerò di vederla in un'altra ottica!
    Buona giornata

    @Onde99: si che lo è! Mi piacerebbe tanto farti assaggiare quella farina: in casi come questi la qualità degli ingredienti è fondamentale.
    Un abbraccio

    @Letiziando: quanto hai ragione. E sono quelle più preziose :)

    @Carolina: indaga, indaga. La mia nonna non me ne ha parlato per così tanto tempo perchè la riteneva non adatta ai tempi di oggi. Non poteva sbagliarsi di più!!!
    Un bacione

    @Claudia: prova a proporgliela in questa veste. Invertirai il ruolo :)

    RispondiElimina
  9. penavo alla cecina invece tutt'altra cosa!!!

    mi piacciono sti piatti regionale e sopratutto familiari, sprigionano calore, tradizione :)

    RispondiElimina
  10. Guarda che la foto è bellissima invece :) Adoro la farinata e questa tua deve essere da leccarsi i baffi!!! Un bacione

    RispondiElimina
  11. Buondì cara! Questo piatto proprio non lo conoscevo affatto, sai!?!?
    Ha un aspetto invitante ed un sapore tutto da scoprire..
    Anche a me piace la foto (sei bravissima!!).
    Buona giornata! (di sole, intendo)
    ;-)
    Sissa

    RispondiElimina
  12. Un piatto prelibato e invitantissimo!!! Complimenti tesoro, baci

    RispondiElimina
  13. sono d'accordissimo con edda, la foto è spettacolare, che pacchia per me quando pubblichi queste cose... :)

    RispondiElimina
  14. Siete sicure, sì? Ma grazie!

    @Pat: no no, niente cecina. Quella è più *verso il mare*, mentre la farinata è caratteristica dell'entroterra.
    Baci!

    @Nepitella: grazie carissima, mi fido ciecamente!
    Bacioni

    @la sissa: se hai la possibilità prova, ne rimarrai conquistata. E se ti manca la farina te la spedisco!

    @Lady Boheme: tu dovresti conoscerla bene poi ;)

    @rossella: bellezza cara, sono così felice di sapere che i *poveri ma belli* ti piacciono :)
    {MA SOPRATTUTTO, quant'era bello lì, Salvatori?!?}

    RispondiElimina
  15. Non l'ho mai provata, mi segno la ricetta. Grazie:-)

    RispondiElimina
  16. Scopro questo bel piatto della tradizione attraverso il tuo blog!

    Spero di avere anche te con qualche tua ricetta fra i partecipanti alla mia raccolta!
    http://massaiacanterina.blogspot.com/2011/03/auguri-ed-una-raccolta.html

    A presto!
    Elisa

    RispondiElimina
  17. Ma dai...
    Per me la farina era farina di ceci e stop. Scopro questa perla della tradizione uorra uorra leggendoti. Che bello! :)

    RispondiElimina
  18. ..La metto nella lista dei piatti da provare ed alla prima occasione passo dal "gioielliere" di fiducia dei generi alimentari rari ed introvabili. Grazie del pensiero.. (quasi quasi ne approfitterei solo per il gusto di ricevere un pacchettino da te. Non solo i cibi hanno un sapore..)
    Un bacino,
    Sissa

    RispondiElimina
  19. Che bello, io nemmeno sapevo ci si potesse mettere alcunchè nella farinata, figuriamoci le verdure! Da provare, quanto prima.

    RispondiElimina
  20. Ma io conoscevo solo quella ligure, con la farina di ceci! La tua m'incuriosisce parecchio, e mi spira anche.. sarà colpa della foto bellissima.. :o)

    RispondiElimina
  21. Provatela bambine, provatela e ditemi.

    @rossella: ancora qui? Di corsa a studiare!!!
    :D

    RispondiElimina
  22. Mi fai venire in mente quella di mia nonna...che buona...quant'e' che non la mangio! :P

    Un abbraccio,
    Lucy

    RispondiElimina
  23. sai che non conosco la farinata? forse non usa dalla mia parte di toscana ^_^ però prendo subito nota!

    RispondiElimina
  24. Caspita, stavo per perdermi questa ricettina, mi era sfuggita, ma l'ho recuperata al volo. Insomma c'è l'imbarazzo della scelta ora fra questa e la garmugia, quale provare per prima ? Quando sciolgo la prognosi te lo renderò noto, intanto un abbraccione !

    RispondiElimina
  25. @Lucy: ecco. Credo che se questi piatti piacciono sono destinati a diventare inseparabili dalla nostra dieta, se poi sono le nonne a prepararli, come resistere loro?!?

    @Erica: che parte? Grossetano? Aretino? Che bello, quante piccole grandi e gustosissime realtà abbiamo!

    @Marilì: prova, prova, e fammi sapere!

    RispondiElimina
  26. Che belle queste ricette della tradizione familiare... mi ispira questa farinata... adoro ceci e farina di ceci! :)
    grazie per averla condivisa!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...