Crostini di pane integrale con aringhe affumicate e carote

crostini1_resized
L'altro giorno parlavamo di cucina fast & easy e, visto il mare in cui sto navigando, continueremo a farlo.
Questi crostini non hanno niente a che vedere con la categoria tartine & finger food perchè, per il loro carattere raw e deciso, sono meglio assimilabili ai classici crostoni, col loro corredo di senso di sazietà e di appagamento che li contraddistinguono. L'unica differenza, come si può ben vedere, sta laggiù in fondo: -ini  e -oni.
Noi ce li siamo gustati prima di un'insalatona rucola-valeriana-tofu ed una farinata di porri  {altro piatto riscoperto in tempi di magra}: ne è venuta fuori una cenetta leggera e, manco a dirlo, gustosissima. L'unica raccomandazione sta negli ingredienti da utilizzare: primo tra tutti il pane, che dovrebbe essere un integrale di farine miste, con diverse varietà di semi e cotto a legna, poi le aringhe, che visto che non si comprano tutti i giorni, ci possiamo permettere anche di acquistarne di qualità :)
Vi assicuro che con queste premesse il risultato ne guadagna incommensurabilmente!
Crostini di pane integrale con aringhe affumicate e carote
Indicativamente, per 8 piccoli crostini: 

pane integrale di farine miste {per me amaranto, girasole e farro} possibilmente con i semini dentro e fuori 4 fette tagliate a metà
aringhe affumicate 2 filetti
carota 1 media
prezzemolo qb
pepe nero da macinare al momento
olio evo nuovo

Tostate appena le fette di pane.
Lavate e raschiate la carota, riducetela a dadini molto piccoli. Lavate il prezzemolo e tritatelo.
Riducete a strisce larghe 4 o 5 mm e lunghe un paio di cm i filetti; disponetele sul pane, coprite con la brunoise di carote, il prezzemolo e condite con un giro di ottimo olio nuovo e una macinata di pepe.

That's all!

crostini_resized

22 commenti:

  1. Sfiziosissimiiiiiii!!! Le foto sono spettacolari!!! Complimenti, un abbraccio

    RispondiElimina
  2. La foto è meravigliosa...e i crostini davvero golosi! Da mangiare con gli occhi insomma!

    RispondiElimina
  3. Godereccio questo crostone!! Mi piace tutto, il pane rustico e gli abbinamenti. Nelle prossime puntate mi piacerebbe saperne di più della farinata di porri.. Ho fatto un tentativo mal riuscito :( sob. Ed ero così carica di aspettative che mi ha così deluso..
    Un abbraccio,
    Sissa

    RispondiElimina
  4. Mmmmmhhhh!!! io non l'ho mai mangiata l'aringa... ma come gusto assomiglia allo sgombro???
    Le foto fanno fame :)
    Baci

    RispondiElimina
  5. @Lady Boheme: erano davvero buoni :)
    grazie dei complimenti!

    @Claudia: grazie!
    Buona serata

    @la sissa: il pane fa la differenza. Io ho la fortuna di trovarne di ottimo al negozietto del centro dove frequento yoga: vengono riforniti il venerdì da un'azienda situata nell'Appennino tosco-romagnolo, che ha nella coltivazione del farro il suo punto di forza {biodinamico, ovviamente}. Ne preparano davvero di moltissimi tipi: questo con l'amaranto è tra i miei preferiti!
    Riguardo alla farinata: io ho sempre utilizzato la ricetta sul blog di Fico&Uva e mi sono sempre trovata benissimo, forse l'unico cambiamento è stato l'allungamento del tempo di cottura. Guarda qui, se provi fammi sapere!
    http://ficoseccouvapassa.blogspot.com/2010/05/la-di-lo-farinata-di-porro.html

    @Nepitella: no, assolutamente no! L'aringa affumicata ha un gusto tutto suo che proprio non saprei descriverti... fai un tentativo!
    Baci :)

    RispondiElimina
  6. Questi crostoni bucano lo schermo. E...sono irresistibili. Mi hai fatto venir così voglia che ho convertito immediatamente la cena prevista di stasera in magici crostoni di Lariano, le aringhe le rimedio anche in fretta, le carote ce l'ho, e chi mi frega stasera ? Grazie,sempre-cara-Wenny

    RispondiElimina
  7. Facile e gustosissimo le aringhe poi mi ricordano la mia Norvegia!
    Buona settimana cara!
    Aina

    RispondiElimina
  8. Le aringhe mi piacciono molto, e i crostini moltissimo!! (me ne sono appena mangiato un paio, proprio prima di leggere il tuo post!! di nuovo, sincronizzata ;o) )
    Per la farinata di porri, invece, sono molto curiosa, e vado a vedere la ricetta che citi..

    RispondiElimina
  9. cara wenny, uno dei motivi per cui (anche) mi piaci tanto, è che ti si penserebbe, vista la grazia con cui appari e scrivi, mangiare in punta di forchetta delicati piattini di finissima alta cucina. e invece no. perché pur leggiadra e piena di grazia sei capace di sbafarti fantastici piatti da carrettiere! :)
    questo me lo segno eh. carrettiera anche io ;)

    RispondiElimina
  10. mmmm, buone le aringhe; proprio ieri le abbiamo mangiate, ma io ho fatto crostini con olio, limone, aringhe e arance di Sicilia ;-)

    RispondiElimina
  11. @Marilì: dici davvero? Ma quanto ti penserò {e quanto mi piacerebbe mangiarli insieme, questi crostini. Ma che importa, qualunque cosa in tua compagnia!} :)
    Baci, grandi

    @Aina: eh sì, la Norvegia. Quelle che acquisto io sono importate proprio da lì: uno dei pochissimi lussi che mi concedo, e raramente!

    @Ellemme: non ci credo! Che sintonizzazione sorprendente :O
    Credo che la farinata possa piacerti: io me ne sono innamorata all'assaggio!

    @tiziana: che bel quadretto! Quanto mi piace quel che hai scritto, e quant'è vero: nove su dieci chi si siede a tavola con me per la prima volta rimane sbalordito :P

    @simo: buona super buona la tua versione. La preparo!

    RispondiElimina
  12. Adoro le aringhe!!!
    Bellissime foto!

    RispondiElimina
  13. Grandissima wenny questo piatto mi sa che te lo ruberò e lo farò al più presto perchè uno adoro il pane integrale con semini dentro che fuori, amo le arighe e adoro le verdure.. bellissimo connubio di cose... bacino a presto

    RispondiElimina
  14. Grandissima wenny questo piatto mi sa che te lo ruberò e lo farò al più presto perchè uno adoro il pane integrale con semini dentro che fuori, amo le arighe e adoro le verdure.. bellissimo connubio di cose... bacino a presto

    RispondiElimina
  15. Oh, meraviglia, finalmente qualcuno che parla di crostoni e sapori autentici... mi sono un po' seccata di leggere di bicchierini, stuzzichini e crostini formati da strati di abbinamenti improbabili! Adesso, però, devi dirmi della farinata di porri!

    RispondiElimina
  16. I crostini, quando sono ben fatti come i tuoi, sono uno dei piaceri della vita. Una buona fetta di pane (magari rustico), una gustosa decorazione e una sana dose di semplicità.
    Onde ha ragione...
    Buona giornata stella!

    RispondiElimina
  17. Datemi un'aringa e farete di me una donna (pardon, una papera) felice.
    Mi piace molto il menu di questa trattoria, com'è che si chiama? "Da Wenny"?
    :-)

    RispondiElimina
  18. Easy, fast, scandinavian style ... and delicious! :)
    ottima idea buffet tesoro!

    RispondiElimina
  19. @fantasie: ti ringrazio!

    @La Cuoca Pasticciona: è vero, il pane integrale con i semi è davvero superiore. Sarà che siamo abituati a quello bianco? Io mi sono convertita :)
    Mi auguro che questi crostini superino la prova assaggio!

    @Onde99: uh, la farinata, che bontà. La trovi da Fico & Uva
    http://ficoseccouvapassa.blogspot.com/2010/05/la-di-lo-farinata-di-porro.html

    @Carolina: e siamo avvantaggiati non di poco, noi toscani!
    Un bacione

    @Duck: no, macchè. Chez Metà.
    :)

    @terry: definizione perfetta!

    RispondiElimina
  20. ma che buone le tue ricette..ti seguo ...baci ;)

    RispondiElimina
  21. Hanno un aspetto fantastico,complimenti!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...