Back in the days

back in the days
Quanto sono affezionata a questo posto.
Un luogo che fisicamente non esiste più, cosa che me lo fa amare maggiormente: credo che, se ne avessi la possibilità, mi inventerei qualunque scusa pur di passeggiare ancora una volta tra quei corridoi rosa. 
E invece no, non si può: è diventato un grand hotel dal nome ridicolo (non ricordo esattamente quale sia, ma ricordo bene di aver riso quando lessi l'insegna la prima volta), presuntuoso, a voler oscurare, tutto tronfio, il vero spirito di quell'edificio. Ma tanto non ci riesce neanche lontanamente.
Quello che vedete è un angolo del mio liceo, che per l'appunto adesso vive soltanto in fotografia e nei ricordi di chi l'ha vissuto: il liceo artistico vero, quello frequentato da ragazzi veri (la smetto senza cominciare. Se entro in polemic mode è finita). 
Comunque.

Al tempo, come potete ben vedere, andavano le tute di velluto, rigorosamente del mercatino, meglio se le trovavi usate (che nostalgia dello "strapponaggio"): se non ricordo male, l'istantanea è di uno spettacolo improvvisato durante la pausa pranzo, una rivisitazione di Cappuccetto rosso probabilmente (non oso rivangare la mia mente per ricercare la chiave di cotale rivisitazione). E' vero, si vede male, i volti quasi non si distinguono, eppure me li ricordo tutti: e stranamente, anche i nomi di chi conoscevo di persona. 
Accadono ancora queste cose?

Il back in the days è stato un colpo di frusta ad una coincidenza che è occorsa stasera, mentre lavoravo al computer: sono inciampata in una vecchia amica e l'ho trovata così cambiata, ma così cambiata, che è stato automatico ricercarla nelle vecchie fotografie. Per capire che sì, già allora si poteva leggere quanto ho visto adesso {cara carissima M., mi manchi sai? Tu ed i tuoi *angiolini* :)}.

That's all ed ecco qua, ecco qua un altro pò di me.

Buonanotte :)

18 commenti:

  1. Complimenti per il dolcissimo post, tesoro! Un bacio

    RispondiElimina
  2. Le "pillole" di te che lasci sono veramente dolcissime mia cara amica :) Si anch'io facevo queste cose al liceo, chissà cosa fanno ora... mi hai messo un bel punto di domanda...
    Ti abbraccio
    p.s. ti ho scritto una mail... è arrivato il pacco, golossisimo :)

    RispondiElimina
  3. La foto l'hai scattata tu?
    Ho provato a cercarti, ma mi pare che tu non ci sia... ;)

    La scuola dove io e mia sorella abbiamo frequentato asilo, elementari (ed io medie) non esiste più. O meglio fisicamente c'è sempre, ma purtroppo non è più quella meraviglia di scuola che era... Sia noi che la mamma non riusciamo ancora a darci pace! Quindi ti capisco bene...
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  4. Grazie per aver condiviso ancora una volta una parte della tua storia con noi.
    Un abbraccio
    Aina

    P.s:Quelle tute di velluto sono fantastiche!

    RispondiElimina
  5. Rivedere le foto del passato fa sempre un certo effetto, un misto tra malinconia e felicità con un sorriso sulla bocca per il modo in cui andavamo vestiti e pettinati...grazie per aver condiviso la tua storia con noi, sono (e siamo) onorata!

    RispondiElimina
  6. Ed ecco qui un ulteriore motivo per volerti bene

    RispondiElimina
  7. @Lady Boheme: che bello leggerti! Grazie per essere passata di qua :)

    @Nepitella: ah sì??? La domanda sorge spontanea... sono così curiosa di sapere che scuola hai fatto :P
    Un abbraccio!

    @Carolina: ahum... sì, credo di averla scattata io. Comunque lì non ci sono, ci hai visto bene :)
    Un bacione

    @Aina: è un piacere. Perchè siete belli voi :)
    p.s.: eccome se sono fantastiche quelle tute. Il problema è che la mia a forza di lavarla è diventata bianca (giuro!)!

    @Claudia: hai ragione, quella è la mistura. Io sono anche orgogliosa di questo mio passato, sai? :)
    Baci

    @Onde99: come sei cara...
    Un abbraccio grande grande

    RispondiElimina
  8. Sn capitata qua x caso :) mi piace il tuo blog, è interessante!!!Inizierò a seguirti :)

    RispondiElimina
  9. Bello leggere queste 'pillole' di te!
    Buona serata Wenny!

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  11. A volte facciamo foto con leggerezza. "Per ricordo" ci diciamo, ma in quell'attimo nemmeno noi sappiamo quanto saranno preziose.

    RispondiElimina
  12. Grazie per aver condiviso questa foto, e questi pensieri con noi, ci aiuti a conoscerti meglio.. Anch'io ho fatto il liceo artistico, poi :o) Mi colpisce quello che dici della tua amica, perchè mi suona familiare, portebbe essere una cosa mia, questo sentire, o meglio intuire una persona, guardarla oltre quel che lascia vedere.. e anche il frugare nelle vecchie foto.. per dire in poche parole..

    RispondiElimina
  13. Wenny che bello questo post pieno di ricordi... peccato a volte le persone si allontanano e pensare che un tempo ci si divideva tutto... davvero un peccato! Bello comunque ritrovarsi e raccontarsi di come si è diventati in tutti questi anni... (chissà poi quanti) Peccato che a questo tuo "posto" ora ce ne sia un'altro... Un bacio buon weekend
    Donatella

    RispondiElimina
  14. E' bello avere bei ricordi di quel periodo. Tieniteli ben stretti e goditeli ogni volta che puoi e vuoi, tutone di velluto comprese
    :-)
    (Ma quanto mi piace conoscerti?)

    RispondiElimina
  15. Ohh questa foto ha il potere di far provare nostalgia anche a chi non c'era.. davvero Wenny c'è tanta poesia in questo post!

    RispondiElimina
  16. lo sai che la storia dentro di noi mi piace tanto. non saremmo quello che siamo. l'animo artistico si intuisce, così come il conformarsi alle mode non era per tutti obbligatorio. i capelli lunghissimi, i tanti colori...pazzesco, anche io pochi giorni fa scartabellavo fra le foto e anch'io mi sono trovata a riguardare cappuccetto rosso fatto dalle mamme (noi) ...uno spasso! una abbraccio wen.

    RispondiElimina
  17. che foto tenera! :) e che peccato che il liceo non ci sia più :( mi fa sempre tanta allegria passare dai posti dove ho studiato e ripensare a cosa succedeva nella palestra, nei bagni...
    P.S.
    hai notato che il rosa/rosso che si vede nella foto sulla destra, sulla colonna, se lo guardi distrattamente sembra quasi il "ricamo" laterale del tuo blog? mi sembrava una cosa carina! :).. o la vedo solo io? :P

    RispondiElimina
  18. @Dreamy Melrose: benvenuta, a presto!

    @la sissa: buongiorno carissima! trovo che sia bello condividere la propria storia sul blog: per me però la parola d'ordine è *discrezione* :)

    @(parentesiculinaria): oh, quanto hai ragione...

    @Ellemme: davvero hai frequentato anche tu il liceo artistico? Sai che adesso che ci penso si intuisce, dalle tue fotografie, questa particolare sensibilità? che bello :)

    @Donatella: è un ricordo che ho voluto condividere con voi cari lettori, siete voi che lo rendete speciale :)

    @Duck: oh, carissima, invece mi preoccupo spesso di risultare *passatista*. Confido nella tua saggezza.
    Un grande abbraccio

    @Fico ed Uva: grazie, grazie ed ancora grazie!

    @silvia: che belle sono le tue parole. Così dense e vere. Grazie di lasciare la traccia del tuo passaggio...

    @ciciuzza: dolcissima che sei! Mi vengono i lucciconi a guardare quelle pareti rosa, che venivano ridipinte ad ogni occupazione (l'ascensore era un cielo blu con tante stelline, sai?).
    Un bacio grande

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...