Monday sweetness

{aoki}
Cari, carissimi.
Questo è un post programmato: quando lo leggerete infatti starò speculando insieme alle mie colleghe su dove sia meglio impiegare un tondino da 12 piuttosto che uno da 8 ed uno da 10, calcolando momenti resistenti vari ed eventuali and so on (ovverosia staremo progettando l'armatura metallica di un solaio). Non potete immaginare quanto mi dispiacerà non poter leggere i vostri (eventuali) commenti: adesso che sto scrivendo infatti, mi accorgo di quanto mi stia affezionando a questa che diventerà una delle tante pagine di *wennycara*, e sentirò la mancanza di non poter avere un riscontro immediato delle mie parole con voi.
Perchè accade questo?
Perchè prosegue un periodo che vede poco, pochissimo tempo da dedicare a questo spazio; di cucinare non se ne parla quasi (cena di stasera: zuppa di miso, farinata di porri e dolcetto alle mele -trovato sull'esilarante libro- di Stefano Arturi) mentre di fotografare un pochino di più, ma non abbastanza da permettermi di mantenere tutti i miei progetti. Ho deciso quindi di rispolverare immagini d'archivio, come in questo caso, o di servirmi direttamente di stamp del mio pc per raccontarvi un pò di me, di quello che ho fatto e di quanto mi sta tenendo impegnata adesso. Perchè questo spazio mi piace e non voglio perdere il filo con nessuno di voi e perchè forse, proprio attraverso questa via, così diretta ma mirata, adesso ho voglia di esprimermi, parlandovi invero assai di me.
Comunque, veniamo ad oggi, a questo lunedì. 
Dolcezza.
Sì, la dolcezza: quante sfumature può avere? Quale gamma infinita di cromie può toccare (l'ha detto forse qualcuno che non può passare per i verde dei campi di grano che frusciano e virare violenta ai viola glitterati di una maschera teatrale? Quanti impasti ci possono essere...)? Se mi concedete 10 minuti del vostro tempo (no, anche meno. Il video nominalmente dura 9:02 ma se togliete i titoli di coda dovremmo essere sui 7, e quanto a questo post... beh, quanto mai servirà!) avrete un'idea di quel che intendo io, di che ventaglio di sensazioni per me riesca a coprire (beh sì, qualcosa rimane fuori).
So enjoy, dai pasticcini di Aoki a qui :)

{aoki}

21 commenti:

  1. Tesoro mio bello! fai bene a rispolverare foto come queste che sono a dir poco golossisime (la prima mi piace tantissimo). Dedicati ai tuoi studi io (noi) siamo qui ad aspettarti!!! Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  2. momento resistente.
    in tutti i sensi.
    è esattamente quello che mi sta capitando ora ;-)
    ma se queste son le foto di archivio che vorrai propinarci, allora devo dire che siamo piuttosto messe bene, e che non vedo l'ora di sbirciare tutto il resto!
    un abbraccio
    vany

    RispondiElimina
  3. A me basta che continui a regalarci questi scatti sognanti e qualche parola luminosa delle tue...

    RispondiElimina
  4. ahime conosco i pasticcini, magnifici, si prestano molto ad essere fotografati sono un auntentica creatività

    RispondiElimina
  5. Io ti aspetterei per anni... Te, i tuoi scatti, le tue parole, i tuoi racconti,...
    Buon lavoro mia dolcissima Wenny.

    RispondiElimina
  6. Giusto, mi sembra assai giusto, riuscire ad esserci senza poterci essere come prima, e che sennò sarebbe un guaio, e come la comincerei io la settimana, dal martedì ??? S.Y.S.S.C. [see you soon sweet creature]

    RispondiElimina
  7. Accipichcia che belle immagini Wenny! ANche se non hai ricettine nuove e sfiziose da proporci sai farti perdonare alla grande con delle immagini assolutamente ammirevoli!

    RispondiElimina
  8. Vedo che Aoki ha vinto su Casey Spooner :)
    Me l'aspettavo...
    Veniamo a noi

    @Nepitella: tesoro caro, sostienimi tu con il rimpallo di mail, mi è d'aiuto {voce amica con tmepi di risposta ridottissimi, sei un fenomeno vero...}.
    Un bacione

    @rossella: ohcaramia, quanto ti ho pensata ieri sera. Ti immaginavo impegnata sì ma non con questa robaccia {bleee davvero orribile. E pensa che finirò verosimilmente come tirocinante in un laboratorio ufficiale di materiali {quando si dice la vita, eh?}.
    Carezzina confortante :)

    @Onde99: ti accontenti di poco tu ;)
    Un abbraccio grande

    @Gunther: allora sai di che parlo, non c'è bisogno che dica nient'altro. Sono delle vere e proprie opere d'arte i pasticcini di Aoki!

    @Carolina: romanticona! Ma che effetto ti fa Londra?!?
    Bacioni {e grazie, sei davvero tanto cara}!

    @Marilì: quanto mi piacciono i tuoi saluti. Ti prego, anche se scrivo post insulsi che, non avendo nè capo nè coda, non sono commentabili neanche con tutta la buona volontà, passa lo stesso a salutarmi. Mi fai felice :)
    Un abbraccio!

    @Claudia: grazie bella. Sono un pò assente dal tuo blog, ma ti assicuro che non mi perdo i progressi {enormi!} che fai.
    Un bacione

    RispondiElimina
  9. Ottima dolcezza e desiderio ci lascia! :) chissà che non sforni pure tu presto qualcosa di buono e dolce!:)
    bacioni!

    RispondiElimina
  10. Ero curiosa, cioè non avevo capito tutto nel tuo discorso, e pero' è molto interessante questa ampia concezione di quel che puo' essere la dolcezza.. Ma senti, questi dolci hanno cosi tanto sfumature nella loro dolcezza, di quella musica? Sarano spettacolari!!

    RispondiElimina
  11. e sapessi come ti ho pensata io oggi, a protocollare gli ultimi documenti da faxare in zona tua per l'apertura del cantiere... ;-)

    RispondiElimina
  12. Cara Wenny, cara affaccendata Wenny!
    Grazie per non averci abbandonati e per averci proposto un abbinamento tanto inusuale: la sobria e insieme lussuosa dolcezza di quel cioccolato e un video sorprendente, anche un po' scioccante, ma di raffinatissime immagini. Il video soprattutto mi pare mi dica cose di te che non sapevo e alluda a una tua complessità e contraddittorietà che trovo molto affascinante.
    Buon lavoro, Wenny!

    RispondiElimina
  13. Guarda... questi soggetti sono per me un'esca perfetta da sventolarmi sotto il naso.
    Perfetta per condurmi infine negli angoli di una Wenny splatter-chic che ancora non conoscevo.

    RispondiElimina
  14. oh, mia cara! ma ci scommetto che anche quando disquisisci su un tondino da 10 e i suoi fratelli, rimani leggiadra ed elegante (giusto? ;))
    ho visto il video... interessante. concordo con duck sul fatto che dica tanto del tuo modo di essere.
    (mi viene in mente... conosci peter greenaway? credo sarebbe molto nelle tue corde... se già non lo è)
    (non dovessi conoscerlo, ti consiglio di iniziare da "the pillow book")
    un bacio! ti aspettiamo :)

    RispondiElimina
  15. @terry: thanks dear. sai che proprio ieri sera ho letto la ricetta di un dolce ba-na-lis-si-mo e veloce? Mi sei venuta subito in mente!

    @rossella: ?!? e dove?!?

    @Ellemme @Duck @Tiz: grazie, grazie davvero per avermi dato fiducia e guardato il video. L'ho apprezzato molto, mi sento ripagata per aver scritto, come ho scritto questo post.
    In particolare

    @Ellemme: per me sì, la dolcezza varia tra estremi che possono lasciare interdetti.
    Quei dolci sono accattivanti, t'assicuro!

    @Duck: attendo i tuoi commenti con trepidazione, sempre, perchè sei come una lente attraverso cui rileggermi e capire cose sempre nuove. Oh sì, che io sia contraddittoria è risaputo, ma è ultimamente che stanno nascendo contraddittorietà che mai avrei creduto. E il mio motto è: indaga e sperimenta!
    Ti abbraccio forte
    p.s.: credo che i FischerSpooner non rischino mai di cadere nel trash. La cura dell'immagine è costantemente in primo piano, e non meramente per un'operazione di marketing {quanto mai vuoi che possa sfondare un duo electroclash?}!

    @Tiz: mh sì, ed è probabile che anche qui le cose cambieranno. Chi lo sa. Io ancora no :)

    RispondiElimina
  16. @tiziana: nooo, ma tu sei scema {esclamazione da leggersi con grande entusiasmo ed affetto, mi raccomando :)}!!! che meraviglia di dritta, questa su Peter! Ti confesso di essere *inciampata* soltanto ne *I racconti del cuscino*, per l'appunto: ma ero in tenera {primi liceo} età e non potevo certo apprezzare. Grazie, grazie, grazie, per avermi pensata.
    Un abbraccio a te

    RispondiElimina
  17. resto così, sospesa a guardare il video che mi suggerisce disperata suggestione e malesseri truccati di sfida. e rileggo le tue parole. ho capito bene? ha un confine così illimitato la dolcezza per te?
    e a propostito di voci. l'inizio è una carezza...

    RispondiElimina
  18. no, in effetti no riesco a legare la wennycara di flower monday con un tondino da 16.. ma l'essere umano è camaleontico. :)
    bel post che fa vagare la mente oltre i soliti confini, bellissime le foto!
    adesso mi guardo il video.....

    RispondiElimina
  19. @silvia: quanto mi piace quello che hai scritto. Lo leggo e lo rileggo, e ogni volta mi accorgo sempre più di quanto trovi azzeccata quella costruzione. E sì, la dolcezza per me può annidarsi in cantucci sbalorditivi.
    Poi: una carezza dici? Eh mi sa di sì, ma che dolore doverne rifiutare alcune...

    @ciciuzza: ma è colpa dell'essere architetti, sai? Tocca sporcarsi le mani {ed è divertente, alla fine!} :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  20. @Jasmine: se lo conosci lo ami. Per sempre!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...