Di piogge e di un buon tè

azalee
Non avevo previsto di scrivere oggi.
Ma il desiderio, o la necessità, solitamente arriva improvviso ed altrettanto impaziente chiede di essere soddisfatto: complice il tempo, che grigio ed uggioso chiama a gran voce *domesticità*, decido di metter su l'acqua per un buon tè e di affidare ad un foglio elettronico quel che preme per venir fuori.
In tutto questo ho deciso di non metter da parte il blog: mi è parso bello, quasi dovuto, lasciare un segno di questo mio stato d'animo, un petalo che cade sullo specchio d'acqua che è *wennycara*, nel quale ho imparato a riflettermici spesso.
Ecco quindi un'istantanea del nostro giardino; avrà come minimo vent'anni (difatti è una scansione di una vecchia fotografia, e la gamma dei colori presenti è fisicamente impressa sulla carta, non c'è nessun filtro applicato!) che ritrae gli esperimenti giardinieri materni e il suo più grande successo, una meravigliosa azalea bianca e rosa.
Non so bene perchè, ma ho voluto farvi partecipi di questo che per me è un dolce ricordo.

Vado a scrivere.
Buon proseguo di settimana :)

21 commenti:

  1. Anche la mia di mamma ha il pollice verde, sebbene ultimamente abbia meno tempo per dedidcarsi a questa passione e l'immagine da te pubblicata, ha suscitato in me ricordi di giochi infantili tra i vasi da fiori e rimbrotti materni ....

    RispondiElimina
  2. grazie per questo passaggio ^_^ è stato un piacere condividere con te un bel ricordo e leggere il tuo post!

    RispondiElimina
  3. Bellissima questa foto con i colori del tempo che passa. E i ricordi restano sempre là, bianchi e rosa come la tua azalea :-)

    RispondiElimina
  4. Ogni pensiero, foto, momento, ricordo, ricetta e commento aprono nei blog delle piccole finestre che identificano le persone che lo abitano. E' un piacere conoscere qualchecosa in più di Wennycara.
    ..E' quindi questo uno scorcio della casa in cui vivevi o ci abiti tutt'ora?
    Una buona continuazione di giornata!
    Sissa

    RispondiElimina
  5. I ricordi dolci e belli che siano, mi rattristano, e allo stesso mi commuovono!!
    il tuo ad esempio mi ha fatto venire un nodo alla gola!!
    Baci e grazie per la tua significativa condivisione!

    RispondiElimina
  6. @Milen@: di giochi, è vero, anche per me è stato così. Confesso di aver avuto ben pochi rimbrotti, però :)
    Un abbraccio

    @Erica: sono contenta che tu l'abbia letto piacevolmente.
    Buona serata

    @Mari - Rose di Burro: che bello aver aggettivato i ricordi con *rosa* e *bianco*. Inconsapevolmente li ho sentiti proprio così, grazie per avermene fatto rendere conto :)

    @la sissa: è lì che sta la cifra di un blog, la sua originalità. E a me certe finestre piace aprirle, di quando in quando...
    Il giardino che vedi è quello della casa dei miei genitori, in cui sono nata e nella quale vivo tuttora (più o meno. Insomma è un pò complicato!). Adesso però è cambiato moltissimo quell'angolo lì...
    Baci!

    @Giusy: grazie a te per le tue parole accorate. Sapere di riuscire a *comunicare* veramente mi dà moltissima gioia :)

    RispondiElimina
  7. ogni volte che delicatamente accenni alla tua mamma si sente chiara e forte tutta la profondità del vostro legame. grazie. per l'immagine (vero vintage :)) e per le parole (bellissime, immediate).

    RispondiElimina
  8. È sempre segno di grande generosità voler condividere un ricordo tanto tenero e personale. E con così tanto garbo e delicatezza.
    Grazie, cara Wenny, per questa bella parentesi di dolcezza.

    RispondiElimina
  9. Bellissima l'immagine veramente antica :) Grazie per la tua condivisione e mi chiedo ma un pò di te per me? ne è avvanzato??? Magari porto i biscotti...
    Un abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  10. La tua mamma ha un animo delicato come il tuo!

    RispondiElimina
  11. Petali nell'acqua, un piccolo ricordo-sogno e grandi emozioni che si specchiano, le tue, le mie.
    Baci a Wennycara-aracynneW

    RispondiElimina
  12. @tiziana: davvero si avverte? Non credo di essere così evocativa, mi sa che sei tu dotata di un animo sensibilissimo :)
    Un abbraccio

    @Duck: ormai questo per me è un salottino virtuale. Ad un buon tè delle cinque certe chiacchere non possono mancare...
    Baci

    @Nepitella: ah si, un cross processing spontaneo, quasi! Quanto al tè, per te il bollitore è sempre pronto. Mi piacerebbe così tanto!
    Un abbraccio fortissimo anche a te!

    @Onde99: degna figlia sua, sì. Me lo dicono in molti, e io ne sono orgogliosissima :)

    @Marilì: quanto sono felice di rileggerti (Sono un pò tristarella per non poter più lasciar commenti sul tuo blog. Ma mi abituerò: nel mentre archivio le ricette!)!

    RispondiElimina
  13. Wenny-cara, passa pure dalle mie parti, mi trovi ancora lì...com'era ? i cambiamenti di idea sono i più portentosi... ;-)

    RispondiElimina
  14. spè, spè... prima mi devo riprendere dopo aver letto che la wenny ha detto A ME la mia foto è splendida...
    LEI...
    a ME...
    Ora rinvengo e ti dico che la tua foto, con i suoi colori, sa di album fotografico di famiglia.
    E che a volte è bello scrivere, senza per forza raccontare qualcosa di preciso, ma semplicemnte condividendo lo spazio ocme amici che stanno vicini in silenzio senza aver per forza bisogno di parlare.

    RispondiElimina
  15. ecco, tu mi parli di mamma e di foto di casa e il nodo arriva e poi si scioglie. grazie per le parole, le immagini e le urgenze.

    RispondiElimina
  16. Ciao, che bello il tuo blog... foto fantastiche. ti seguo!
    se ti va ti aspetto per una visita

    RispondiElimina
  17. Ho pensato la stessa cosa che ha scritto Tiziana.
    Dovete assomigliarvi molto. Chissà che belle assieme...
    Buon fine settimana dolcissima Wenny. Che sia cosy come piace a te... :)

    RispondiElimina
  18. @Marilì: sì, ho visto, ma mi sarebbe piaciuto poter continuare a commentare i post. Comunque, continua così che sei grande!

    @(parentesiculinaria): infatti l'ho sfilata dal cellophane dell'album, per scansionarla. Questa fotografia che a te piace tanto e che io amo (devo aver preso da mamma il vezzo di ritrarre fiori!).
    Buona notte...

    @silvia: io ricordo la fotografia che postasti tu, tempo fa, e in quell'occasione il nodo venne a me. E piansi anche, sì.
    Un abbraccio

    @Passiflora: benvenuta, ti ringrazio per i complimenti. Non mancherò di ricambiare la visita.
    A presto!

    @Carolina: a me piace molto scoprirla attraverso le vecchie fotografie, i suoi oggetti (ti ricordi lo scialle grigio cenere?)...
    Un bacio grande e buon fine settimana anche a te cara...

    RispondiElimina
  19. Non capisco cosa sia successo, c'è una anomalia nel funzionamento.
    Vedevo che il blog si era "ammutolito", ma pensavo fosse una conseguenza dei miei alti e bassi e della mia incostanza nel postare. Grazie per avermelo segnalato, ora vedo di risolvere. Buon weekend Wennyina !

    RispondiElimina
  20. Che bello, mi dà un senso di familiarità questa foto, la luce, i colori, gli oggetti sembrano tratte dai miei ricordi.. :o) Bella davvero..

    RispondiElimina
  21. Le tue foto mi ammaliano come sempre tesoro! :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...