Orzotto con piselli e funghi al profumo di tartufo

orzotto con funghi e piselli al profumo di tartufo
Ieri sera abbiamo cenato nei boschi. 

Beh sì, più o meno :) 
Certo è che una zuppa così *raw*, che nasce quasi da sola, richiama sfacciatamente atmosfere poco cittadine, facendo dimenticare l'agiata morbidezza di un risotto, al quale ad occhio può somigliare, offrendosi  al palato con tutta la sua genuina ruvidezza. Il tocco di un necessariamente ottimo olio al tartufo chiude con una sofisticatezza inaspettata il cerchio. Riguardo a questo: i prezzi non sono proibitivi come pensavo, e credo che l'acquisto sia giustificato. Ne basta davvero un goccio!
Dunque ecco qui, un'altra ricetta-non ricetta: penso proprio che d'ora in avanti farò largo uso dei misti cereali/legumi secchi. Mi raccomando: da scegliere sempre quelli prodotti nella vostra zona ;)
Un abbraccio.


Orzotto con piselli e funghi al tartufo
ingredienti per due

orzo con piselli secchi 2 bicchieri scarsi
funghi essiccati misti un paio di manciate
scalogno 1
olio evo
sale
pepe nero lungo
parmigiano grattugiato 1C
olio al tartufo bianco (per me di San Miniato) qb per servire

Sciacquate i funghi e lasciateli rinvenire in una ciotolina d'acqua tiepida. 
Sbucciate lo scalogno e tritatelo finemente. Scaldate un filo d'olio evo in una casseruola, versate il trito di scalogno e fatelo stufare per qualche minuto, unendo un paio di cucchiaini d'acqua. Unite l'orzo, mescolate e lasciate insaporire per 2'. Coprite con acqua calda per almeno due dita e portate ad ebollizione. Dopo 20' aggiungete i funghi (eventualmente tagliate in pezzi più piccoli quelli più grandi), regolate di sale e cuocete per il tempo indicato sulla confezione (circa 40') semi coperto, verificando di volta in volta che ci sia acqua a sufficienza. 
A cottura ultimata, fuori dal fuoco, aggiungete il formaggio, pepate e mescolate bene. Impiattate e completate con un giro d'olio al tartufo.

22 commenti:

  1. Brava "raw" è il termine giusto!!! Perfetto... :)
    Concordo con te l'olio al tartufo può sembrare proibitivo a primo impatto, ma in realtà non lo è così tanto proprio perché se ne utilizza pochissimo. E così, dura una vita...
    Buona giornata stella!

    RispondiElimina
  2. @Caro: mi sei venuta in mente tu quando ho scritto *raw*: anche a me sembra perfetto, intraducibile nella nostra lingua a meno di non perdere qualcosa, proprio come *cosy*. E vedi un pò, sono all' opposto, che più opposto non si può!
    Buon pomeriggio :)

    RispondiElimina
  3. Mangiare nei boschi in autunno è come far la spesa nei campi in primavera... languido, romantico e *vero*, come i profumi di questa zuppa!

    RispondiElimina
  4. Buono buonissimo l'orzotto Wenny!!! Indovina? al mio matrimonio uno dei due primi era proprio questo cereale :-)) W i boschi che in particolare in autunno sono magici! La prossima volta mi saluti il folletto per me?
    Baci

    RispondiElimina
  5. oggi mi sono dovuta accontentare di un rapido panino, in compagnia di mia figlia e della sua compagna di classe, avevamo solo 15 minuti a disposizione. Dovrò rifarmi prestissimo, intanto faccio finta di mangiare questo splendido piatto!
    baci

    RispondiElimina
  6. Buono l'orzo! L'ho scoperto da poco (non è mai troppo tardi per imparare no? :-D ) e adesso lo mangio quasi tutti i giorni! Questo primo è fantastico, rustico al punto giusto, evoca i profumi del bosco a 360° ! E' perfetto insomma! Adoro il cibo "fast-cook" quando è così buono! un bacione

    RispondiElimina
  7. Raw è un termine che uso molto spesso, rende davvero l'idea!
    Come rende l'idea della golosità la foto di quest'orzotto, profumato, autunnale..perfetto!
    Gustato nel bosco poi è tutta un'altra cosa!
    :)
    Ciao ciao ^^

    RispondiElimina
  8. @Onde99: uh, altrochè se è romantico.
    Non ci avevo pensato, ma sono completamente d'accordo con te: autunno chiama bosco come primavera chiama spesa nei campi :)
    Un bacione!

    @Nepitella: ma se mi dici così mi fai salire la curiosità a mille! chissà che banchetto che avevate messo su!
    Un abbraccio grande grande

    @simo: scommetto però che il panino, in compagnia di due bimbe così, era buonissimo. E avrai modo di rifarti, con una cena un pò più lenta ;)

    @Claudia: sapessi quante cose ho scoperto io frequentando la food-blogosfera! ne vedrai delle belle ;)
    Ciao!

    @meggY: sì, sono proprio d'accordo, alcuni termini sono proprio efficaci :)
    Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  9. orzotto... XD
    tipicotuo.
    ma la ricetta tipica non è. anzi, ha dell'eccezionale.
    della foto non voglio nemmeno parlarne
    cia'
    vany

    RispondiElimina
  10. che meraviglia... chissà che profumo.... davvero uno splendido mix

    RispondiElimina
  11. Ottima ricetta ...un bello spunto per usar dei preparati pronti ma genuini che ci regalano gusto e bontà...e fan bene poi! :)
    un abbraccio caldo quanto l'orzotto! :)

    RispondiElimina
  12. Quando sento la parola tartufo le mie antennine si drizzano... mi piace proprio,grazie prendo spunti...

    Donatella

    RispondiElimina
  13. Questi piatti rustici e la tua prosa ricercata ed elegante ben si addicono alla mia personcina!
    Ho un ricordo della consistenza dell'orzo un pò 'viscida' (slimegosa, dico io). È così o ho delle reminiscenze fuorvianti?
    Ciao..
    Sissa

    RispondiElimina
  14. Sai che non ho mai abbinato i finghi all'orzo?? Quest'anno che ero intenzinata a togliermene la voglia devo decisamente recuperare...
    Mi piacerebbe fare la stessa cosa anche col tartufo. Togliermi la voglia intendo... :)

    RispondiElimina
  15. E io che credevo di farvi torto pubblicando una ricetta così...

    @rossella: invece credo che la metà sarebbe felice di sapere cosa pensi della sua fotografia :)
    Buona giornata!

    @Ely: funghi & tartufo, come dir loro di no? credo che nella categoria dei salati sia una delle coppie più profumose ;)

    @terry: si, sono ottimi e salutari. Sai, penso che la prossima volta proverò a cuocere l'orzotto in pentola a pressione, ne guadagnerei in tempo e qualità nutrizionali...
    Un abbraccio

    @Donatella: sono contenta di averti dato un suggerimento per utilizzare una delle tue passioni culinarie :)

    @la sissa: no, tutt'altro. L'ho scritto perchè mi ha colpita: quest'orzo ha chicchi dalla consistenza *ruvida*, un pò come la pasta trafilata, ma molto di più, per intenderci :)
    Buona estate di san Martino :)

    @( parentesiculinaria ): e se hai la fortuna di metter le mani su funghi freschi *veri* (no coltivati, altrimenti meglio quelli secchi a mio avviso), allora sì, toglitela la voglia, non rimarrai delusa :)
    Ciao!

    RispondiElimina
  16. semplicemente fantastico!
    ciao
    Aina

    RispondiElimina
  17. ottimo gioco di sapori rustici ed il tocco elegante del tartufo! tutto da provare questo orzotto!!
    baci baci

    RispondiElimina
  18. Lo vedo, lo leggo, l'immagino e mi sembra perfetto per sapori, consistenze... L'essenza della stagione ;-)
    Un abbraccio
    P.S. Grazie di cuore per quel che hai detto di là

    RispondiElimina
  19. @Aina: è buono, semplice e sano :)
    Buona serata!

    @manuela e silvia: esatto, rustico ed elegante convivono in questo piatto. Ve lo consiglio!

    @Edda: grazie di che, lo penso davvero :)
    Ciao!

    RispondiElimina
  20. un orzotto completo.. l'aroma del tartufo e del fungo gli dànno delle note di gusto molto gradevoli

    RispondiElimina
  21. Adoro l'orzotto! Noi ormai lo usiamo spessissimo al posto del riso :)

    RispondiElimina
  22. @Gunther: sì infatti, la bellezza dei preparati di legumi secchi è proprio questa: una buona fetta di pane tostato ed ecco un piatto completo e sano!

    @Jasmine: non ho dubbi. Anch'io, all'epoca del mio vegetarianesimo, variavo i legumi/cereali molto spesso, con grande gusto :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...