Crostata salata con crema di carote {o delle cromie d'autunno}

crostata salata con crema di carote
Che bei colori l'autunno, eh?
Avete notato quante sfumature, quanti riflessi? che tavolozza meravigliosa che ha la natura in questi mesi.
Ieri, mentre preparavo questa crostata per imbastire la cena, rimuginavo sul fatto che tra zucca e carota siamo lì, come cromatismo. E nella mente di una foodblogger questo significa avere due post che si richiamano, che magari comportano anche una certa monotonia della pagina in cui compaiono (e tutto ciò porta allo sconforto blogghesco, famosissimo e riconosciuto). Un pò come stava accadendo qualche settimana fa, quella volta in *versione rosa*, con la pubblicazione di *nastro rosa-schiacciata con l'uva-composta di melagrana*. Aiuto, che stucchevolezza!
Invece tra zucca e carota corre una gran bella differenza: la cucurbitacea ha un colore pieno, potente, un arancio caldo che ha una componente giallo-rossa molto alta. Quello della carota invece vira verso lidi più acidi: il suo giallo tende al verde e all'azzurro; è un arancio più *freddo*.
Sto delirando o lo pensate anche voi? :)

Anyway, a proposito di zucche vi ricordo l'appuntamento, per domenica 31, al Microbirrificio di Castagno d'Andrea: guest star la birra Halloween Queen, a base di zucca, naturalmente, con carota e amarena selvatica.
Vi aspetto!


Crostata salata con crema di carote
per uno stampo da crostate di 24 cm di diametro

per la pâte à quiche di Felder
farina 0 200 g
sale 5 g
burro 90 g, tagliato a cubetti e a temperatura ambiente
uova codice 0 1
acqua molto fredda 20 g

per il ripieno
carote 600 g
latte fresco intero 100 ml
grana padano grattugiato 3 C
uova codice 0 2
olio evo 1 C
noce moscata un paio di grattugiate
sale
pepe nero

Preparate la pâte con largo anticipo: sciogliete il sale nell'acqua; in una ciotola capiente lavorate come di conseueto il burro con la farina facendola sabbiare (dovete ottenere delle grosse briciole), unite l'uovo e l'acqua con il sale e lavorate, velocemente, fino ad ottenere un impasto liscio ed elastico. Formate una palla, avvolgetela in un canovaccio pulito e lasciatela riposare al fresco per 2 ore.
Lavate e raschiate le carote; tagliatele a rondelle spesse mezzo cm. In un tegame scaldate un cucchiaio di olio evo e rosolate le carote, salatele, unite un bicchiere d'acqua e cuocetele, scoperte, finchè non sono morbide (ma non sfatte). Trasferitele nel bicchiere del mixer e frullatele bene, fino ads ottenere una crema liscia: se necessario aggiungete poca acqua tiepida. Versate in una ciotola di ceramica e lasciate raffreddare. Unite le uova, il latte, il formaggio e amalgamate bene con una forchetta. Salate, pepate e aggiungete la noce moscata.
Infarinate il piano da lavoro; riprendete la pasta e stendetela ad uno spessore di circa 3 mm, foderate lo stampo e cuocete in bianco per 10'-12' a 180°C. Sfornate la base, versateci la crema di carote e infornate. Cuocete per 35'-40'.

24 commenti:

  1. ehi!!!
    mi fa pensare tantissimo ad una cosa che faccio spesso con il ripieno di zucca e fatta con la farina di kamut... postata tanto tempo fa... forse te la ricordi.
    ma quanto ci piace 'sto mese, eh?

    RispondiElimina
  2. stupenda questa crostata e l'idea per cambiare un po' dalle solite, é molto molto interessante!

    effettivamente se non fosse perché le giornate sono troppo corte questo mesa sarebbe il mio preferito in assoluto!

    Fine settimana sereno cara Wenny :)

    RispondiElimina
  3. Già i colori dell'autunno! sono incredibilmente belli e secondo me scaldano il cuore :-)
    La tua crostata deve essere buonissima e piacerebbe sicuramente al quel bugs bunny di mio figlio che le rosicchia sempre!
    Ti abbraccio, buon we tra zucche, streghe e diavoletti :-)

    RispondiElimina
  4. Io amo questo mese!
    E anche la tua crostata salata, che oltre ad essere coloratissima e stagionale è un'idea molto originale per uno sfizio diverso dal solito!
    Buon week end!
    Smack

    RispondiElimina
  5. Mi associo! Anche a me l'autunno sprigiona tante belle sensazioni.. Ultimamente mi faccio prendere troppo la mano dal fruttivendolo che finisco per acquistare troppo rispetto ai consumi e poi mi devo racapezzare di idee per non fare andare a male la spesa..
    La crostata autunnale ti è venuta benissimo, hai una bella manualità..
    Quanto alla festa al birrificio, abbiamo dato un'occhiata al sito proprio ieri sera per programmare una capatina, visto che 'fatalità' è prevista una gitarella in toscana questi giorni.. non siamo riusciti a capire se le birre "speciali" sono previste anche per il pranzo poiché ci verrebbe piu' congeniale.. Tu vai??

    RispondiElimina
  6. Una crostata di un bellissimo colore, deliziosa e raffinata!!!! Bravissima come sempre, un abbraccio e buon fine settimana

    RispondiElimina
  7. Io solo da poco tempo ho cominciato a mangiare le carote non soltanto crude in insalata e ho scoperto che mi piacciono. E anche tanto!
    Questa crostata mi incuriosisce assai.
    Ma che bello il piatto blu!

    RispondiElimina
  8. Carissima, non posso darti torto. L'autunno porta con se dei bellissimi colori così accesi, intensi e vivaci... E se ci pensi bene è un pò contraddittorio visto che è il periodo più piovoso e malinconico dell'anno! Ad ogni modo questa crostat mette allegria solo a guardarla...molto interessante l'abbinamento che bhai usato! Mi piacerebbe provarla per sentire che sapore ne è uscito fuori! Un bacione

    RispondiElimina
  9. @rossella: uhm non mi ricordo, adesso spulcio vanigliacooking... anzi, uso la casella ricerca :) (funziona, vero?).
    Un grande abbraccio

    @MariLuna: carissima! in effetti è una preparazione un pò fuori dalle righe. Pensa che non sapevo che titolo dare al post: propriamente una quiche non è infatti (e oramai è nota la mia caparbietà con i termini), così ho optato per *crostata* :)
    Un bacio

    @Nepitella: ciao bella! davvero piacciono a tuo figlio? sei fortunata (che sei una brava, bravissima mamma non c'è neanche bisogno di scriverlo)!
    Passa un sereno fine settimana!

    @Meggy: ciao! è una crostata-jolly... pensavo giusto adesso che potrebbe essere un'idea quella di prepararla in uno stampo rettangolare, tagliarla a quadrottini e servirla come aperitivo :)
    A presto!

    RispondiElimina
  10. @la sissa: ciao! ti capisco, con la storia della spesa: è capitato anche a me, ma sono disposta a tutto, anche a sperimentare piatti che mai mi sarei sognata, pur di non far marcire i miei tesori!
    Per il resto: aummm, breve consulto, qui abbiamo concluso che dovrebbe essere all day long, l'offerta di birre speciali. E poi, noi ci andiamo di sicuro per pranzo quindi... sarei davvero felice di conoscerti!

    @Lady Boheme: e credimi che all'assaggio è davvero buona buona :)
    A lunedì, un abbraccio stretto

    @Duck: ah sì, cara la mia paperella? sentito che gusto?
    non ci crederai, ma quella è una teglia da forno. Bel-lis-si-ma. Della nonna credo, piccola piccola, senza bordi... insomma un foglio metallico (infatti s'è un pò imbarcato e se non sto attenta quando sforno i biscotti vanno in derapata!).
    Bacio!

    @Claudia: no more Mirtilla? :)
    Un giorno organizziamo un bel food rave gigliato, così questa crostata l'assaggi di sicuro!

    RispondiElimina
  11. Bene, bene per le birre.. Grazie dell'approfondimento! Domani, con calma, al risveglio, dopo i caffè, vediamo se partire per la gita. Semmai mi darai lumi su come riconoscere la Wenny..
    Notte..
    Sissa

    RispondiElimina
  12. oh sì, ti prego, continua con questi deliri!
    intanto uno dei due stasera lo invito a cena ;)
    ma tu continua eh! è un ordine ;)))
    un bacio, buon sabato!

    RispondiElimina
  13. Che bella questa crostata, sia nel colore che nella sostanza ....

    RispondiElimina
  14. Che bella questa crostata, sia nel colore che nella sostanza ....

    RispondiElimina
  15. Ciao! che bella crostata! delicata e dal sapore semplice ma ricco!
    bellissima idea!
    baci baci

    RispondiElimina
  16. @sissa: ok. se vuoi scrivimi merenwen.oronar[!at]gmail.com oppure cerca una moretta riccia con orecchini d'argento lunghi lunghi :)
    Ciao, buona serata!

    @tiziana: uh, perchè quando deliro so che con te non ho di che vergognarmi? :D
    Sono onorata dell'invito alla creatura... moltissimo. Prima o poi faccio una raccolta: i miei piatti sulle vostre tavole :)
    Un abbraccio grandissimo

    @Milena: come colore assomiglia a quello che hanno preso le foglie degli alberi quà sotto, in piazza. Sono mutate dall'oggi al domani, e altrettanto in fretta voleranno via...
    Un bacione

    @manuela e silvia: è vero, è molto semplice: eppure camuffa da primadonna sofisticata uno degli ortaggi più umili.
    Buona serata!

    RispondiElimina
  17. bellissima questa torta, l'arancione è un colore che mi piace moltissimo! Anche questa la segno! A proposito di fiocco rosa, scusami tantissimo per non aver partecipato e, mi accorgo solo ora, non averti nemmeno risposto! Che cafona! Il fatto è che ero molto occupata nelle scorse settimane, e un po' lo sono ancora... Sorry! Ciao, buona domenica! S.

    RispondiElimina
  18. Ciao bella Saretta,
    scusami che ti trascuro così, passando raramente da te:( Ho solo più di un mese dalla tesi e non ho fatto ancora niente, che stress, aiutoooo!!
    Bella crostata, vitaminica direi;)
    Bacione e grazie per gli auguri della mia vecchiaia;)

    RispondiElimina
  19. L'autunno con i suoi colori riesce quasi a confortarti,facendoti provare meno nostalgia per 'estate che va via!!E questa quice è proprio quel cibo del conforto,che riesce a coccolarti!!Complimenti per tutto!!

    RispondiElimina
  20. Una tavolozza di colori meravigliosi direttamente qui sul tuo blog... e poi l'arancione non stanca mai in questo periodo!
    Io amo molto più la zucca..con la carota faccio la pace ad intervalli regolari..ma poi mi stufo in fretta!
    Un abbraccio
    Fico&Uva

    RispondiElimina
  21. @Silvia: cara, carissima, non preoccuparti! capisco perfettamente cosa significa avere un periodo intenso. Cafona, tu? non riusciresti ad esserlo neanche volendo!
    Un abbraccio

    @Oxana: potresti provare a vedere se questa crostata ti vitaminizza per la tesi :)
    Coraggio, in bocca al lupo!

    @Damiana: benvenuta! grazie del tuo commento, sono contenta che la ricetta abbia incontrato i tuoi gusti.
    Mi auguro di rileggerti, a presto!

    @Fico & Uva: anche a me la carota stanca, ma per le mani me ne è capitato un mazzo di freschissime: tutto un altro sapore. Certo che per due crostate di seguito non resisterei :)

    RispondiElimina
  22. Beh se delirare vuol dire far caso alle sfumature, alla saturazione, alla bellezza di un colore... allora sì: sei delirante. E ladra. E spero che continuerai ad esserlo! :D

    RispondiElimina
  23. Al primo sgaurdo poteva sembrar una torta dolce di zucca... invece e salata e di carote.... ma sempre buona è!!!
    come dici ...w i colori e sapori e profumi dell'autunno!

    RispondiElimina
  24. la troco più interessante con el carote pittosto che con la zucca

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...