Torta morbida al profumo di malva

torta morbida al profumo di malva
Un buon dolce profumato.
Uno di quelli morbidi e soffici, da colazione, semplice da preparare e, per chi come me ama aprire e annusare barattoli alla ricerca dell'aroma giusto, magico.
Ho scelto la malva stavolta, pianta che amo nelle tisane, nelle farinate, nelle quiches... era l'ora che finisse in una torta!

Sereno mercoledì a tutti.


Torta morbida al profumo di malva

farina 00 280 g
zucchero semolato bianco 150 g
uova codice 0 4
burro 125 g
latte 1 bicchiere
lievito 1 bustina
foglie di malva essiccate 3 C

Preriscaldate il forno a 180°C, imburrate ed infarinate lo stampo.
In un bricco sciogliete dolcemente il burro; trasferitelo in una ciotola capiente e lavoratelo a spuma, con una frusta, insieme allo zucchero.
Separate in due terrine diverse gli albumi dai tuorli; aggiungete quest'ultimi uno alla volta al composto di burro e zucchero, mescolando bene. Setacciate la farina con il lievito e aggiungete anch'essa, diluendo via via con il latte senza smettere di mescolare. Unite le foglie di malva.
Montate a neve ben ferma gli albumi, aiutandovi con qualche goccia di succo di limone e incorporateli delicatamente al composto dell'altra terrina, mescolando dal basso verso l'alto.
Trasferite nello stampo e infornate per 30', lasciando intiepidire la torta a forno spento prima di estrarla.

22 commenti:

  1. Deliziosa perchè morbida ma sensazionale è l'aggiunta della malva... chissà se sostituirla con fiori freschi regala quel tocco in più...
    Sereno mercoledì anche a te che ci hai proposto una dolcezza a metà settimana!

    RispondiElimina
  2. Che delizia questa torta!!! Ne assaggerei volentieri una fetta!! Baci cara e felice giornata

    RispondiElimina
  3. Una di quelle torte che mi piacciono tanto!
    Complimenti Wenny, trovo che sia una ricetta specialissima... E, non appena tornerò a casa la proverò sicuramente.
    Sereno mercoledì anche a te mia cara!

    RispondiElimina
  4. ero un po' spenta ultimamente con le torte. mi hai fatto tornare la voglia con questa meraviglia alla malva (che adoro!).

    RispondiElimina
  5. Originale l'idea della torta con la malva, sinceramente non ho mai mangiato niente di simile...ma credo che sia buonissima, soffice e profumata!

    RispondiElimina
  6. Le erbe aromatiche conferiscono personalità alle preparazioni e nei dolci danno sicuramente il meglio di sé: ottima idea :))

    RispondiElimina
  7. buon mercoledì anche a te... anche se ormai dovrei augurarti un sereno giovedì! Una curiosità: cosa sono le uova codice 0?? mi sento un po' ignorante... ciao, a presto! Silvia
    PS: il tuo giardino è sempre più bello!

    RispondiElimina
  8. Questa torta mi da sensazione di casa e di affetto!! Mi piace tantissimo! Ne vorrei una fetta sempre se dovesse restare.. cosa che non credo!!!un bacione

    RispondiElimina
  9. Morbidezza e profumo, una carezza per la pancia ;-) Sa' tutto di bel bosco e giardino incantato qui. Buona serata

    RispondiElimina
  10. Ciao piccola!:))
    Bella torta emolto particolare con la malva! Ho raccolto anch'io la malva bel fiorita;))
    Un bacione

    RispondiElimina
  11. @ilcucchiaiodoro: ciao! Sai, l'utilizzo dei fiori freschi mi appassiona davvero molto, ma mi ritrovo ad utilizzare sempre quelli secchi. Mi manca una guida :)
    Sicuramente verrebbe un incanto con la malva (o altro) fresca: se provi dimmelo, te ne prego :)
    Un abbraccio

    @Lady Boheme: attenta a quel che dici che ti prendo in parola!
    Grazie per i complimenti.
    Un abbraccio forte forte, buonanotte

    @Carolina: sto cercando di riprendere un pò le fila con la blogosfera (evviva per la proroga del vostro contest!), e una torta semplicesemplice era quello che serviva :)
    Un bacione carissima, buonanotte

    RispondiElimina
  12. @the t time: solo con le torte *spero*!!! Sono felice di averti dato un suggerimento gradito.
    Ti abbraccio forte

    @Mirtilla: ciao, benvenuta! Che pessima padrona di casa sono; ho letto il tuo commento al post del clafoutis svariate volte dicendomi *che carina, che ragazza carina* senza mai trovare il momento giusto per risponderti e visitare con la dovuta calma ed attenzione il tuo blog. Ti ringrazio di essere passata e ripassata. Domattina ti scrivo prometto, chè quella ideuzza che hai avuto m'è proprio piaciuta :)
    Buonanotte!

    @Milena: ecco sì, erbe aromatiche=personalità. Ecco un altro canale attraverso cui leggere la personalità di chi cucina...
    Un bacione

    RispondiElimina
  13. @Silvia: ciao Silvietta! Che bello leggerti!
    No, non ti sentire ignorante, ci mancherebbe solo questa! Anche io l'ho scoperto via web, e proprio grazie ad un foodblog, che cosa sono le uova codice 0. Sono quelle provenienti da galline che vivono all'aperto libere di razzolare :) Io nelle mie ricette lo indico semplicemente perchè per me ha un valore etico molto forte e scriverlo è un modo per farne partecipi le altre persone.
    Visto che sei interessata ti consiglio di dare un'occhiata qui

    http://www.disinformazione.it/uova.htm

    Fammi sapere che ne pensi, ci tengo.
    Un bacione!

    @Fico e Uva: e invece per voi resterebbe! Fatemelo sapere ;)
    Buonanotte!

    @Edda: cara, carissima, che complimenti meravigliosi. Sono felice di sapere che ti trovi bene qui.
    Un abbraccio

    @Oxana: chissà quant'è bella! Che colore splendido, eh?
    Un bacione anche a te :)

    RispondiElimina
  14. Che delicatezza Wenny, la malva! Non ci avrei mai pensato, si sente molto? E' un sacco che non passo di qui (in realtà è un sacco che più che di girellare appena non ho proprio modo di commentare) ma ora mi rimetto in pari per bene!

    Buona giornata!
    PS: la prossima volta che scendo a Roma faccio incetta di erbette, poi ci incontriamo e te le porto ok?

    Chiara

    RispondiElimina
  15. sto prendendo una brutta piega... noto che clicco sul tuo blog solo se ho calma intorno, se sono a casa, se sono riposata... è una cosa bella no? solo che così arrivo un po' tardi, diciamo con i miei tempi... :)

    RispondiElimina
  16. Anch'io ultimamente tendo a distribuire manciate di erbe essiccate nei miei dolci... trovo sia molto chic e anche un bel po' rassicurante!

    RispondiElimina
  17. ciao Wenny, grazie mille per la risposta! Anch'io di solito le scelgo, ma non sapevo del codice numerico! Qui in Svizzera non hanno questi codici, o almeno non sul guscio (devo guardare se li stampano sulla confezione). Ad ogni modo in genere sulle confezioni (che qui in Svizzera sono sempre di carta, mai di plastica) scrivono (anche in italiano per fortuna) "uova da allevamento bio" o "uova da galline allevate all'aperto" ecc...
    Qui poi ci sono molti mercati contadini e biologici settimanali dove si comprano le uova sfuse (e moltissimi altri prodotti) direttamente dall'allevatore o dal coltivatore.

    Comunque buono a sapersi, per quando mi capiterà di comprarle in Italia! Fai bene a scriverlo nelle ricette, anche perché così chi non lo sa, come me, si incuriosisce e viene a sapere una cosa nuova! Magari potresti anche spiegarlo in un post: è una cosa utile che forse non tutti sanno!
    Ciao, a presto!
    Silvia

    RispondiElimina
  18. Semmai la dovessi reperire ci provo e ti farò sapere senz'altro! A presto

    RispondiElimina
  19. @cavoliamerenda: ciao Chiara!
    Si, la malva si sente abbastanza. Credo che per avvertirla di più si potrebbe provare anche a metterci qualche cucchiaino di tisana... magari funziona?
    Davvero fai shopping di erbette? Io sarei felicissima di incontrarti! Che bello!
    Buon fine settimana :)

    @rossella: bello si. E prenditi il tempo che vuoi, qui mica scappa nessuno :)
    Baci baci!

    @Onde99: è vero, è lo stesso anche per me. E magico, aggiungo
    Un abbraccio

    @Silvia: sono felice di averti dato qualche informazione utile!
    Sai, non ho mai pensato di scrivere un post sui codici delle uova perchè in rete se ne trovano parecchi di articoli e simili. Però in effetti anche soltanto per esprimere il mio punto di vista potrei farlo un piccolo post... perchè no!
    Grazie :)
    Ti abbraccio forte forte

    @ilcucchiaiodoro: sono io che ringrazio te. Sono qui :)
    Buon sabato!

    RispondiElimina
  20. una ricetta davvero speciale Wenny, mi attira assai. La malva sai che però .. non so, non riesco a percepirla, non riesco a ricordare il suo profumo, il suo sapore. La cerco e la provo appena riesco! :)

    RispondiElimina
  21. finalmente un metodo per utilizzare i fiori di malva che ho in casa!!E non poteva non venire da te la ricetta!

    RispondiElimina
  22. @fiOrdivanilla: capita anche a me con alcune erbe, sai? La malva mi piace moltissimo: fresca poi, con i suoi fiori di quel colore bellissimo (da infilare nell'insalata!), non è una meraviglia?
    Buona serata!

    @Matteo: ciao! Te li invidio proprio quei fiori... ;)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...