Confettura di mirtilli al profumo di ginepro

confettura di mirtilli al profumo di ginepro
L'idea me l'ha data Silvia.
Appena ha pubblicato la sua *marmellata di fragole al timo* ho messo in lista gli ingredienti e l'ho preparata: una delizia.
Il pensiero è andato all'istante al vasetto che avevo finito giusto giusto la domenica precedente, a colazione: era quello della confettura di mirtilli, aromatizzata al ginepro.
Ora, è vero che mirtillo/ginepro può essere un accostamento dalla riuscita comprovata in molte pietanze, ma, per quanto mi risulta, non ho mai letto niente a proposito delle confetture.

In casa mia questa preparazione è nata per sbaglio: l'intento, a fine estate, era quello di preparare la nostra consueta delizia da invasare, con mirtilli del Teso 100%.
Quella mattina, siamo usciti per l'ultima raccolta e, già che ci eravamo imbattuti in cespugli ricchi e profumati di ginepro, abbiamo colto l'occasione di fare scorta anche di queste bacche. Potete ben immaginare come, una volta rientrati, al momento di dividere ciò che ci eravamo procacciati, qualche bacca birichina abbia giocato a travestirsi da mirtillo e finire nella ciotola a loro riservata. A pensarci a posteriori mi viene da sorridere :)
Così, inconsapevoli della confettura che stavamo preparando, abbiamo cotto, mescolato, invasato, etichettato, riposto, stappato e... assaggiato. "Questo è... ginepro?!?!?" "Si, ma che gusto!" "Occhei ma stiamo attenti alle bacche... sai che boccacce...".
Ecco, con questa precauzione vi scrivo qua la ricetta, come promemoria per la grande stagione di produzione delle confetture che attende ogni foodblogger al varco ;) Eh si, perchè che credevate, che vi stessi traviando per fare questa con i mirtilli surgelati?

Sereno mercoledì a tutti.


Confettura di mirtilli al profumo di ginepro

mirtilli freschi e maturi 1 kg
zucchero semolato bianco 500 g
ginepro alcune bacche

Lavate sotto l'acqua corrente i mirtilli e fateli asciugare su un panno pulito.
Poneteli in una pentola capiente e dal fondo spesso, su fiamma medio bassa, aggiungete lo zucchero e mescolate. Pestate le bacche di ginepro quel tanto che basta per farle aprire.
Lasciate cuocere per almeno un'ora*: passato questo tempo fate la prova piattino (versate poca confettura su di un piattino e inclinatelo: se scivola via lasciate cuocere ancora qualche minuto). Aggiungete le bacche, mescolate e spengete il fuoco. Lasciate intiepidire, suddividete la confettura nei vasetti sterilizzati e proseguite con il normale procedimento di sottovuoto.

*non l'ho specificato: chiaramente è possibile passare la frutta cotta, aggiungere le bacche di ginepro e rimettere sul fuoco per farla addensare un pochino.

18 commenti:

  1. Qesto sì che è un abbinamento interessante!

    RispondiElimina
  2. Ma sai che io invece credevo che nel paradiso di cui parlavamo via email fosse già stagione di mirtilli e che tu avessi realizzato la confettura con quelli nuovi? Comunque prendo nota del curioso abbinamento e sono anche piuttosto convinta che lo sperimenterò, sperando che questo tempo inclemente non abbia distrutto tutte le piantine della Cervarola...

    RispondiElimina
  3. Allora.
    Stamani all'alba girellando per blog sono inciampata in una cosa che ha catturato tutta la mia attenzione. Poi sono stata contattata via e-mail dalla stessa azienda. E adesso tu! In conclusione: i paesi si sono allineati per te. Ecco.
    Ora cerco anche di spiegarmi, promesso. ;)
    Conosci l'azienda "Le tamerici"? Con una sola parola: meravigliosa. Hanno appena presentato un concorso davvero interessante. E tu potresti proprio parteciparci con questa meraviglia senza alcuna fatica...
    Ti lascio il link così puoi guardartelo con calma e decidere. Eccolo qui!

    Se hai bisogno di sapere qualcosa in più non esitare a contattarmi, ok?
    Buon pomeriggio e un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Bella marmellata! Brava, Sara!
    Un bacione

    RispondiElimina
  5. Che bella questa marmellata. Io sono sempre incuriosita dagli abbinamenti insoliti tra frutta e qualsiasi altra cosa. E poi la ricetta è così semplice. Aggiudicata!
    (vabbe', ma se usassi quelli surgelati, si arrabbia qualcuno? :-)

    RispondiElimina
  6. sono contenta che ti sia piaciuta la marmellata! Anche questa mi ispira molto, peccato non avere a disposizione gli ingredienti... appena mi capita di andare per mirtilli, la proverò! ciaooo! Silvia

    RispondiElimina
  7. è fantastica, un curioso e insolito abbinamento di sapori che non vedo già l'ora di provarlo appena potrò, dato che vado matta per i nuovi accostamenti di profumi, gusti, aromi.. complimentissimi, da leccare il vasetto! :)

    RispondiElimina
  8. @tutte: grazie ragazze: sono proprio felice che queste sperimentazioni possano ispirarvi :)
    In particolare:

    @( parentesiculinaria ): ciao! si, lo trovo anch'io interessante. Così, andando a naso: come lo vedresti utilizzato in un arrosto? Sperimentare!

    @Onde99: spero per te che le piantine siano ancora belle, forti e sane! Quanto a quelle che ci sono vicino a casa mia: è come con gli asparagi selvatici, essere ci sono, solo che devo essere in compagnia di qualcuno che mi presti il suo paio d'occhi :)
    Un abbraccio

    @Carolina: grazie per questa bella notizia, sei un tesoro! Beh si, ho bisogno di contattarti per chiarirmi un pò le idee: ho visto il loro sito e mi sembra così... esigente... sarò capace? Dopo ne parliamo, sii pronta a sciropparti mille dubbi :)

    @Oxana: grazie cara, il tuo supporto è sempre una forza. Sei davvero tanto cara.
    Un bacione one one

    RispondiElimina
  9. @Duck: no, nessuno s'arrabbia (il portafogli forse? ;))! Anzi, se poi ci fai partecipe dei risultati è ancora meglio :)
    Mi piace sapere di questo tuo interesse per i nuovi abbinamenti: con i viaggi che hai fatto i tuoi orizzonti devono essere molto vasti... sono curiosissima.
    Un abbraccio

    @Silvia: oh sono contenta anch'io :)
    Segnar non nuoce: arriverà il tempo dei mirtilli anche per te...
    Buona serata!

    @fiOrdivanilla: ciao! grazie, grazie infinite: io ne sono rimasta piacevolmente sorpresa, tanto da riproporla quest'anno. E dire che sono sì curiosa dei nuovi abbinamenti, ma anche tanto tanto severa nei risultati :)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Però.... mi incuriosisce un sacco... chissà che sapori e profumi!!!....forte questa marmellata nata per caso!!! :)

    RispondiElimina
  11. Deliziosa e molto invitante!!! Complimenti tesoro! Baci

    RispondiElimina
  12. Che strano abbinamento i mirtilli con il ginepro" Però mi incuriosisce molto... però dimmi, nel complesso com'è il sapore di questa confettura??? Sicuramente sarà profumatissima!

    RispondiElimina
  13. ecco, è arrivata la stagione della mia invidia color mirtillo. Un kg di mirtilli pessimi qui mi costerebbe come un paio di kg di caviale, per cui sono costretta a prendere un po' della tua marmellata (e poi il ginepro mi affascina sempre tanto non so perchè, proprio a prescindere dal suo buon profumo :)
    Baci!

    RispondiElimina
  14. @terry: anche a me piacciono queste casualità :)

    @Lady Boheme: ti ringrazio. A presto!

    @Mirtilla: allora. Al primo assaggio è dolce (non troppo, a me piacciono poco zuccherose) e *mirtillosa*; lentamente rilascia un aroma di ginepro, partendo dal *retro-palato* (si dice? mah!), che rimane senza invadere troppo. Insomma, ti coglie alla sprovvista!

    @Ciboulette: sono certa che tu tirerai fuori dal cilindro parecchie cosine che mi faranno diventare verde dall'invidia :)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  15. un accostamento originale che mi è piaciuto molto è fragole e rosmarino. da provare no?

    RispondiElimina
  16. @Alice: altrochè se è da provare. Grazie del suggerimento, sperimenterò :)

    RispondiElimina
  17. cioè, se passo, nel senso, se capito da quelle parti, me ne allunghi un vasetto?
    dev'essere la fine del mondo!!!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...