Plumcake con asparagina e ricotta in crosta

1resized
E' la prima volta che preparo un "plumcake in crosta".

Sarà che sono poco navigata in materia (temo di essere una delle pochissime a non aver messo le mani sul testo sacro della Chovancova), ma non avevo mai incrociato un "plumcake in crosta".
L'idea, semplice e geniale, viene da un ricettario che ho ricevuto in regalo lo scorso Natale, da quella cara ragazza che è mia sorella: Verdure. Idee facili e gustose per unire sapore e benessere a tavola, peraltro un testo agile e dalla grafica curata, ordinato e, per quanto ho potuto testare, con ricette dalla riuscita garantita (quindi viene "il dubbio": perchè mai non citarlo come fonte? Ho visto alcune delle proposte degli autori in rete spacciate come proprie dal proprietario del blog di turno. Ok, polemic mode off :) ).

Comunque sia, io ho scelto di ammorbidire il sapore complessivo optando per formaggi delicati (ricotta e grana in luogo di caprino e groviera) e, manco a dirlo, per realizzare la crosta mi sono preparata la cara brisée di Carolina (dacchè me l'ha fatta scoprire la mia vita non è più la stessa!); non vorremmo mica scipare questo plumcake con i grassi idrogenati delle paste industriali(uh, il polemic mode! :) )?

Trovo che come preparazione sia estremamente versatile, vuoi per l'utilizzo che se ne può fare (aperitivo, pasto leggero in accompagnamento ad un'insalata da mille e una notte, pic nic,...), vuoi naturalmente per le declinazioni possibili del ripieno.

Vi auguro un sereno fine settimana.

Aggiornamento del 26/02/2011: con questa ricetta partecipo al 2° contest di About Food *Ricette per un pic-nic*

about food

4resized

Plumcake di asparagina e ricotta in crosta croccante

pasta brisée 125 g
asparagina (o asparagi selvatici) una dozzina
uova codice 0 2 piccole
latte 100 ml
farina 00 180 g
lievito 15 g
olio evo 4 C
ricotta di pecora 100 g
grana padano grattugiato 2 C
sale e pepe nero da macinare al momento

Lavate, pelate e private della parte più dura gli asparagi, dopodichè cuoceteli in un'asparagiera finchè non si ammorbidiscono.
Preriscaldate il forno a 180°C.
Stendete la pasta brisée a tre-quattro mm, imburrate e infarinate uno stampo da plumcake e foderatelo con la pasta. Con i rebbi di una forchetta bucate il fondo, rivestite di carta da forno lo stampo e ricoprite di legumi secchi, in modo da cuocere in bianco per 12'-15'.
Setacciate la farina con il lievito.
In una ciotola profonda sbattete le uova con il latte, salate e pepate. Aggiungete la farina e il lievito, l'olio a filo e la ricotta. Amalgamate molto bene. Unite il grana e mescolate un'ultima volta.
Riempite lo stampo foderato di brisée con il composto, inframmezzandolo con l'asparagina.
Infornate e cuocete per 45'. Lasciate raffreddare e sformate.
3resized

2resized

26 commenti:

  1. e' quasi mezzogiorno e io ho una fame terribile!!!!!!!!!!!!!!!!non puoi pubblicare queste delizie!!!

    RispondiElimina
  2. che bello che é!!!! mi piace il metodo con la crosta che non conoscevo...ora mi divertiro' a ceare anch'io qualcosa di sfizioso ;)

    RispondiElimina
  3. Cara!
    Per prima cosa, sono contentissima di averti fatto scoprire quella mitica pasta. E, soprattutto, sono strafelice che sia stata così tanto di tuo gradimento! ;)
    Il plumcake in crosta è un'idea geniale alla quale non avevo mai pensato, ma che suona benissimo! Il tuo poi è proprio bello e gustoso. È appena finito nella lista delle ricette da fare quanto prima...
    Grazie mille per questo spunto e buon fine settimana.
    Un bacio!

    RispondiElimina
  4. Confesso di essere digiuna di Chovancova! Concordo con te: mi piace quando si citano le fonti, lo trovo un leale atteggiamento da ricercatori. Oltretutto mi pare che il rimando alle fonti ci inserisca in un rapporto di scambio, di contatto, di conoscenza del mondo che ci circonda che non solo è fertile, ma che ci fa fare anche bella figura!!! Certo, bisogna saper trovare buone fonti, affidabili e interessanti ;-)
    Dopo tutte queste ciance, torno coi gomiti sul tavolo e mi pregusto questa bella e buona ricetta!
    un bacio cara Wenny
    F

    RispondiElimina
  5. Meraviglioso il tuo plumcake! Un'idea molto originale! Sei bravissima. Baci e buona serata

    RispondiElimina
  6. @raffa: credo che sia anche ottimo come pranzo in ufficio ;)

    @Mariluna: sono molto contenta di averti dato uno spunto. Credo che sia davvero "investigabile" ad oltranza questa preparazione.
    Ah... pubblica poi, mi raccomando!

    @Carolina: conoscendoti credo proprio che ti piacerà.
    Quella pasta è stata una rivelazione, manco a dirlo ti penso tutte le volte che la preparo.
    Un bacione

    @la frenk: si vive anche senza Chovancova, ne sono un esemplare (magari però conoscendola si potrebbe essere più gaudenti, chissà) :)
    Per il fatto delle fonti concordo con te: quando si tacciono e ci si arroga il lavoro altrui, e si viene scoperti... beh, si è veramente ridicoli.
    Ti offro una fetta virtuale :)
    Un abbraccio fortissimo

    @Lady Boheme: ti ringrazio. Spero di fartelo assaggiare un giorno!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  7. mai fatto nemmeno io e mai messe le mani sulla Chovancova... =)
    Sembra streitoso (l'asparagina si mangia?), so che io non avrei rinunciato al gruyere (al caprino SI!) ma sono tutt'ora sospesa a chiedermi "abbinato a...?"
    Tu che ci metteresti al posto del caprino?
    (la tua vena su questo cake è così feconda che magari aiuti anche me... =)
    Buon fine settimana Wenny!

    RispondiElimina
  8. Io invece sono una grande fan della Chovancova. Ho comprato il suo libro anni fa, a Bruxelles, prima ancora che la Guido Tommasi lo traducesse in italiano ed è un libro cui sono teneramente affezionata, ché mi ricorda una vacanza quasi idilliaca (se si eccettuano le proteste della Spia che sbuffava ad ogni mia sosta in libreria).
    Però questa torta salata nella sua bella camicina di pasta brisée mi stuzzica molto. Subito nel mio quaderno!
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  9. Una torta di stagione che sembra troppo squisita! E poi forse qualche polemica ci starebbe sui ladri delle foto, ricette e addirittura gli articoli. E cosa ci costa scrivere un riga in più con la fonte? Mah .. lasciamo stare e intanto gustiamo sto meraviglioso "plumcake in crosta". Buon w.e. Kafcia

    RispondiElimina
  10. @cavoliamerenda: ciao Chiara! Domandone, pensa che la mia vena feconda, come la chiami tu, era arrivata a suggerire lo yogurt greco al posto del caprino. Lo sguardo sconcertato di mia mamma mi ha fatto virare sulla ricotta :)
    No erborinati, no caprini, no mascarpone (percaritàddidio).
    Ho cercato un pò, perchè le tue domande mi solleticano sempre, e ho trovato una risposta -provvisioria, perchè voglio provare.
    CATUPIRY! (o insomma, qualcosa di simile).
    Curiosa? Allora leggi :) http://padellamagica.blogspot.com/2009/03/catupiry-formaggio-cremoso-casereccio.html
    Fammi sapere eh!

    @Duck: non fraintendermi, anch'io amo la Chovancova! Ho infatti avuto modo di leggere diverse sue ricette, seguendo blogger tra le più care, e ne sono rimasta incantata.
    Nel post intendevo dire che, per una ragione E per un'altra, ancora non sono riuscita a mettere in libreria quel libro :)
    A proposito: così, per curiosità... nella traduzione italiana traspare lo spirito dell'autrice?
    Ti abbraccio

    @Kafcia: Benvenuta! Fortunatamente a me non è mai capitato di essere "vittima" di "furti", ma non serve certo esserci passati per capire che è una cosa... incivile direi, nella mia ingenuità :)
    A presto!

    RispondiElimina
  11. catupiry!?
    mi hai messo una curiosità mostruosa, vado subito a vedere!
    PS: difficile vero abbinare il gruyere?

    RispondiElimina
  12. Bellissima ricetta e bellissimo il tuo blog! Fortuna che hai lasciato da noi un commentino... che tesoro ci stavamo perdendo! Mi sa che torneremo spesso a trovarti! Ciao Ciao Fico&Uva

    RispondiElimina
  13. Il cake in crosta è spettacolare ....
    Mai acquistato la brisèe!

    RispondiElimina
  14. Ma quante cose belle mi sono persa da queste parti ! Belle, buone, dolci e e delicate, come te cara Wenny. Non ho praticamente più tempo per girare su internet e spesso passo settimane intere in casta astinenza. Ma mi mancate ! Un bacione

    RispondiElimina
  15. @cavoliamerenda: più che difficile sposare il gryyere, si.
    Mi raccomando tienimi informata dei tuo esperimenti!

    @Fico e Uva: benvenuti! Che piacere leggervi, sono davvero felice. Grazie per i complimenti :)
    Buonanotte e a presto!

    @Milena: non avevo dubbi ;)
    Un bacione

    @Marilì: vedo si, che hai rallentato: non importa, conta solo sapere che state bene. So benissimo che ogni tanto ci pensi, al blog & co. :)
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  16. Ciao Wenny! Buonissimo questo cake! MMH! Ho l'acquolina! non ho mai provato la versione "in crosta" la trovo davvero interessante

    RispondiElimina
  17. Anch'io mai fatto un plumcake in crosta ma l'idea mi piace già sulla carta (schermo) visto il tuo risultato dorato :-)
    Buon inizio settimana

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  19. Avevo fatto una cosa simile, mi aveva molto incuriosito questa idea di versare un impasto da cake in una base di frolla o brisée e devo dire che il risultato fu molto godibile! Non riuscendo a vedere gli asparagi selvatici nemmeno se qualcuno me li indica non potrò mai replicare la tua versione, ma, magari, posso tentare con quelli normali, che ne dici?

    RispondiElimina
  20. @Elisakitty's Kitchen: benvenuta!

    @Edda: pare che abbia dato uno spunto a molte. Ne sono molto felice.
    Buona giornata a te

    @Onde99: carissima, sono come te in tema asparagi selvatici. Rischio di inciamparci; mia mamma si è pressochè rassegnata :)
    Certo, gli asparagi "normali" andranno benissimo!
    Un bacio

    RispondiElimina
  21. Ciao Wenny:) Ti ho trovato tramite il sito di Terry, Crumpets and Co! Hai un bellissimo blog con tantissime cose buone...ora continuerò a sbirciare tutte le tue bontà!
    Un abbraccio,
    Nena

    RispondiElimina
  22. Stupendo... mi piace tutto dagli ingredienti a come l'hai presentato!
    troppo brava!

    RispondiElimina
  23. Ciao Wenny, non mi pare che il testo della Chovancova brilli per un particolare spirito. È un grazioso libro di cucina, con le solite splendide foto Marabout (non ricordo se siano della onnipresente Akiko Ida) e ricette quasi infallibili, ma siamo ben lontani dallo spirito vivace ed arguto della cara Nigellona o dalla 'caciara' entusiasta di Jamie Oliver!

    RispondiElimina
  24. @Nena: benvenuta! Sono felice di averti qui, sentiti a casa :)

    @terry: tu sei decisamente TROPPO buona con me!

    @Duck: grazie cara. Ci tengo tanto a conoscere la tua opinione. Sempre :)
    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  25. Foto che brillano, danzano e "cantano" come sirene iridescenti. Mille parole non valgono una sola gustosissima immagine come questa ;-)

    Bacio e buona serata
    diariodicucina.blogspot.com

    RispondiElimina
  26. @Letiziando: grazie per le tue bellissime parole, lasci me senza!
    Passo subito da te ;)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...