Ciambella polacca al tè

Ciambella morbida polacca
La ricetta di questo dolce semplice semplice proviene da una rivista alla quale mi sto affezionando sempre più via via che esce (sarà per la cura grafica, per i contenuti, che sento vicini ai miei interessi).
Il dolce in questione è una ciambella, presentata come tradizionale nel periodo di Pasqua, in quel della Polonia. E' soffice, candida e, nella mia versione, deliziosamente profumata.
Ieri sera infatti, di fronte a quell'impasto liscio e scorrevole, non ho resistito al gettarci dentro una manciata di uno dei miei tè di fiducia che, badate bene, contiene dei bei fiori essiccati.
E' da tanto che non cucino con la porta finestra socchiusa: l'aria di primavera dev'essere entrata di soppiatto, impadronendosi di fatto del carattere della mia ciambella :)

Ciambella morbida polacca

zucchero semolato bianco 120 g
burro 100 g
uova codice 0 3
farina 00 100 g
fecola di patate 100 g
latte 6 C
lievito 1 bustina

per profumare, a piacere
un cucchiaio di fiori essiccati (nel mio caso miscela "White Christmas Tea", a base di tè bianco in foglia, scorze e fiocchi di arancio, fiori di girasole)

Tagliate il burro a cubetti e lasciatelo ammorbidire. In una grande ciotola lavoratelo a crema insieme allo zucchero.
Sgusciate le uova e separate gli albumi dai tuorli, raccogliendoli in due ciotole diverse. Unite i tuorli al composto di burro e zucchero e mescolate bene.
Setacciate (fatelo, stavolta fatelo davvero!) insieme farina, fecola e lievito e incorporateli poco a poco al composto, ammorbidendo gradatamente con il latte.
Montate a neve ben ferma gli albumi, aiutandovi con un pizzico di sale; incorporateli a più riprese all'impasto facendo attenzione a non smontarli. Unite i fiori essiccati e mescolate bene.
Imburrate e infarinate uno stampo per ciambella e versatevi l'impasto; se gradite una crosticina croccante spolverate la superficie con una cucchiaiata di zucchero.
Infornate a 180°C per 30'; fate la prova stecchino prima di spengere e lasciate intiepidire la ciambella prima di sfornarla.

Qualche info................................................................................................

La miscela "White Christmas Tea" che ho utilizzato io è prodotta da Neavita. L'azienda non vende al dettaglio; credo comunque che in ogni buona erboristeria si possano reperire i loro prodotti. On-line potete trovarli qui, nella sezione tè e tisane.

Vi suggerisco di dare un'occhiata a questo loro pdf illustrativo dei prodotti (è rivolto agli operatori del settore, ma perlomeno vi fate subito un'idea di quel che ho messo nella ciambella!): oltre ad essere molto bello e ben fatto, riporta informazioni sintetiche e interessanti.

29 commenti:

  1. e cosa sarebbe 'sta cosa white eccetera così chic? la posso trovare anche io, e cosa chiedo, cioè, come dico? oppure, alternative?
    sembra così... così semplice e slow!

    RispondiElimina
  2. Mmm?! Sembra molto molto bella questa ciambella! E come ha detto Vaniglia: è molto chic:))!!

    RispondiElimina
  3. Splendida questa ciambella, molto invitante!
    Baci

    RispondiElimina
  4. @vaniglia: metto una nota in coda al post :)
    Mi piacciono gli aggettivi che hai utilizzato, calzano a pennello. Buonanotte!

    @Oxana: grazie, sei davvero gentile!

    @Lady Boheme: spero di potertela fare assaggiare presto. Se m'inviti te la preparo in quattro balletti ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Deliziosa la ciambella e meravigliosa la rivista... Adoro la scelta delle ricette che propone ed i colori che utilizza... semplicità unita ad una grafica comunicativa deccezione... un caro saluto. Deborah

    RispondiElimina
  6. mentre si fà primavera si ha voglia di dolci delicati e questa ciambella é perfetta...la miscela di fiorni con il tè bianco la trovo molto facilmente qui propri sotto casa, ce ne sono di differenti profumi :)
    Grazie ^^

    RispondiElimina
  7. Buondì!
    Quella rivista piace moltissimo anche a me ( e non solo considerando il furto...). E vorrei mettermi alla prova con così tante ricette!
    Quella che hai scelto tu è proprio una Wenny-ricetta, sai?! :)
    Buona giornata ed un abbraccio!

    RispondiElimina
  8. Quanto mi è piaciuta la tua presentazione... La rivista di cui parli mi manca, se propone ricette tanto belle devo rimediare! Ottimo il tuo tocco profumato!

    RispondiElimina
  9. @il sapore del verde: già, i colori. A me già la copertina mi dice in che mese siamo :)

    @Mariluna: fammi ricapitolare. Tu hai un giardino di fronte a casa e un negozietto che vende miscele di tè sotto. Posso passare a trovarti? :)
    Buona giornata

    @Carolina: una Wenny-ricetta, che cara che sei :)
    Anche a me piacerebbe proprio provarne molte; hai visto che con questo mese c'è anche un libro -cioccolato!- in omaggio?
    Un abbraccio e buona giornata a te!

    @Gloria: ti consiglio di sfogliarla a me è piaciuta :)
    A presto

    RispondiElimina
  10. Anche tu ti sei data all'inserimento di fiori secchi nei dolci!!! Una curiosità: i miei fiordalisi erano piccoli, ma come ti regoli con i the e gli infusi un po' più "grossolani"? Li frulli?

    RispondiElimina
  11. @Onde99: ehm, ti dico, io di dolci con i fiori essiccati non ne ho mai fatti, quindi proprio non so come procedere per utilizzarli al meglio. Stavolta sono andata a sentimento e li ho impastati così, interi... infatti se becchi la foglia, il fiocco o la scorza ti arriva una ventata di profumo improvvisa (che non tutti apprezzano) :)
    Il tuo cake era buonissimo, quanto m'è piaciuto!

    RispondiElimina
  12. Anche io sto apprezzando molto la rivista e non mi son persa un numero...e pure io avevo adocchiato questa bella ciambella...ti è venuta davvero bene!...sempre così soffice!
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  13. Ok, allora li lascerò interi: ho un paio di infusi che secondo me regalerebbero un'allure molto speciale alla pasta frolla!

    RispondiElimina
  14. Una semplice ciambella resa particolare grazie ad una manciata di profumi speciali... Davvero bella e buona! Complimenti - Maura

    RispondiElimina
  15. OMG, sembra super super soffice! Devo provarla quanto prima!

    RispondiElimina
  16. @terry: io purtroppo si, ne ho persi due mi pare, perchè la mia raccolta parte solo da gennaio :\
    Che bello che abbiamo adocchiato lo stesso dolce!
    Buona giornata!

    @Onde99: ;) poi mi farai sapere!

    @Maurina: ciao! Ti ringrazio, ma è davvero semplicissima. Come direbbe mia mamma, "si fa da sola" :)

    @Jasmine: lo è, lo è! La fecola non tradisce mai!

    RispondiElimina
  17. Ho sentito pareri positivi su questa rivista, e noto con piacere che ci sono anche piatti di altre nazionalità. Non mi resta che acquistarla :)

    RispondiElimina
  18. ne immagino il profumo, un modo magnifico per iniziare la giornata

    RispondiElimina
  19. Molto originale: una ciambella di Pasqua con dentro un té di Natale... un bel modo per prendersi una pausa dolce in qualsiasi momento dell'anno. Brava!
    A presto

    Sabrine

    RispondiElimina
  20. il sentire che ancora si sfogliano riviste mi fa pensare che non tutto è perduto! siamo ancora legate ai gesti. mi hai dato, mi avete dato, l'idea di aggiungere la miscele per infusi negli impasti. devo provare. grazie.
    cucinare con l'arietta che viene da fuori...e i profumi che si mischiano...

    RispondiElimina
  21. @Antonella: in questo numero ad esempio, nell'articolo dedicato ai pani di Pasqua, ci sono ricette dalla Grecia, Russia e Polonia. Merita :)

    @Gunther: è una bella coccola, si!

    @sabrine d'aubergine: sai che a questo non avevo pensato? E' che quella miscela mi piace moltissimo, la userei all year long :)
    Buona giornata

    @silvia: assolutamente. Io, poi, mi sento legata in maniera particolare ai grandi ricettari: se mi togli "Il Talismano della Felicità" di Ada Boni piango (e qui ti parrò una "sposina" :)).
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  22. Che ciambella profumatissima e morbida. Questo è uno di quei dolci di cui mi innamoro a prima vista! sa di casa, di luce soffusa e calore
    Una poesia di sapori e e profumi! Bravissima
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  23. ma che bella sensazione che mi hai trasmesso! intanto mi pento di non aver fatto quella raccolta.. mannaggia.. in secondo luogo accalappio la ricetta di questa ciambella polacca e terzo! ho un sacco di te con fiori essiccati! :) provo subito ottima idea! :) un bacio

    RispondiElimina
  24. mi piace tantissimo l'idea dei fiori essiccati nella ciambella...

    RispondiElimina
  25. @Fra: ha fatto innamorare anche me...

    @ciciuzza: sono felice di averti trasmesso qualcosa che ti ha fatto stare bene :)

    @sara b: sapessi come mi ha sorpreso piacevolmente!

    RispondiElimina
  26. appena ho visto la foto ho pensato "ci starebbe bene un po' d'acqua di fior d'arancio in questa ciambella candida"...

    doveva essere divina, ora mi studio meglio la ricetta, se non è troppo lunga... andata!

    RispondiElimina
  27. @cavoliamerenda: è corta corta, te ne sarai già accorta :)
    quindi anche tu sei caduta nella spirale di questa rivista eh?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  28. no, intendevo "appena ho visto la tua foto" ma magari fai un'adepta, ora vado a vedere...
    PS: macché, ero rimasta senza farina...

    RispondiElimina
  29. Super blog, j'adore vos articles et reportages, bonne continuation.

    voyance mail gratuite

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...