Yogurt

yogurt autoprodotto
Preparare lo yogurt in casa è stato, fino ad un paio di mesi fa, uno dei miei desideri di vecchia data.
Questo alimento ha da sempre fatto parte della mia dieta, sebbene con varie sfumature: da piccola, infatti, ben difficilmente non sarei appartenuta alla schiera dei bimbi felici con gli yogurt/formaggio alla frutta, e per l'appunto così è stato.
Poi è stata la volta degli yogurt al caffè, al malto e ai frutti di bosco rigidamente di una marca, della quale mi ero perdutamente innamorata. Nel periodo universitario ecco che si fanno largo quelli ultra cremosi e mischiabili con cereali, ciambelline di cioccolato e quant'altro: frequentemente assolvevano all'essermi pranzo.
Ultimamente mi ero avvicinata a quelli semplici, bianchi, interi o magri, prodotti da un'azienda con lo stabilimento a Firenze: mi sembravano (e forse lo sono tutt'ora) la risposta che mi offriva il miglior compromesso tra il desiderio di mangiarmi lo yogurt e la necessità sempre più sentita di alleggerire la mia impronta ambientale.

L'autoproduzione è la vera soluzione: la yogurtiera si acquista una volta e consuma pochissimo (noi, di buona marca in un centro commerciale l'abbiamo pagata 20 euro) mentre i vasetti in vetro sono chiaramente riutilizzabili fino a quando la sfortuna decide di farveli scivolare dalle mani e planare sul pavimento (la nostra yogurtiera ha 7 vasetti con capienza da 150 g ciascuno).
Non avrete a che fare con i contenitori e gli imballaggi, che possono sì essere riciclati, ma che per essere prodotti richiedono energia e investimenti. Non ci saranno autoarticolati che inquinano per distribuire i vasetti.
Possono essere frasi barbose, ma quando sono informazioni che corrispondono al vero, repetita iuvant.

Io l'ho preparato diverse volte, l'ultima ieri sera: utilizzo un litro di latte, intero e se possibile etichettato come "bio" (mica per nulla, ma mi è capitato di avere come risultato uno yogurt molto liquido: avendo seguito la procedura correttamente, ho imputato il pessimo risultato, com'è scritto sulla guida, al latte che evidentemente conteneva tracce di "antibiotici") e le bustine di fermeti lattici che trovo in farmacia. Una confezione da cinque si aggira sulle 5 euro.
Se amate questo alimento vi consiglio di pensarci: io credo che, oltre ad averci guadagnato in gusto, ci si guadagni anche in salute.

Buon fine settimana.

P.s.: vi allego il link ad un post di Eniko sull'autoproduzione dello yogurt. E' illuminante!

15 commenti:

  1. hai ragione, è proprio vero (anche la storia dei nostri yogurth mi pare simile..)
    anche io ho lo strumentino, dono di mia sorella anni fa; di tanto in tanto lo uso, per pigrizia non sempre. E tuttavia sarebbe bene usarlo sempre ... pensiamo a quanti vasettini di plastica si potrebbero evitare...

    ciao! buonanotte

    RispondiElimina
  2. Ciao tesoro, lo yogurt fatto in casa è senza dubbio migliore, quindi devo solo attrezzarmi!
    Grazie della visita e buon San Valentino a te e a Mister F.
    Baci

    RispondiElimina
  3. Ah, questo post sembra fatto apposta per convincermi.
    Non sono una grande amante dello yogurt, ma ne consumo quotidianamente e da qualche tempo comincia a seccarmi terribilmente il pensiero di tutti quei contenitori di plastica che vanno ad accumularsi nella pattumiera (anche se differenziata). Benché da tempo acquisti solo la confezione 'famiglia' per evitare di gettare barattolini su barattolini, penso da tempo a farne a meno comprando direttamente una yogurtiera. L'ideale, per me, sarebbe fare a meno anche di lei e usare altri sistemi, ancora più casalinghi e 'drastici', ma ma ma... ci sono dei ma. E allora mi sa che è arrivato il momento!
    E anche grazie a te!
    Buona domenica

    RispondiElimina
  4. (Dimenticavo: non ho ignorato il tuo invito a giocare. Ci ho dovuto pensare un po' su. Ma tra un paio di giorni, se vuoi, vai a dare un'occhiata!
    Un abbraccio)

    RispondiElimina
  5. @simo: io ho risolto la questione "pigrizia" prendendo l'abitudine di prepararlo la sera prima di cena. E la mattina... voilà! Buona domenica :)

    @Lady Boheme: ti ringrazio. Un abbraccio!

    @Duck: ho visto in rete le descrizioni di metodi di preparazione diversi, alternativi, facendo a meno della yogurtiera (un link si trova sul post di Eniko che ho allegato).
    Allora aspetto il tuo post con il meme :)
    Un bacio!

    RispondiElimina
  6. L'avventura dello yogurt autoprodotto ha tutta la magia e i benefici da te elencati: quando si inizia ci si sente più responsabili nei confronti di se stessi e del mondo :))
    Io lo produco senza yogurtiera (a bagnomaria!)……..

    RispondiElimina
  7. Buongiorno cara! Ottimo lo yoghurt casalingo, prima lo preparavo anch'io e nemmeno mi disturbavo a comprare i fermenti, riutilizzavo qualche cucchiaiata di yoghurt avanzato dalla produzione precedente. Era una vera soddisfazione e, personalmente, ne ho tratto anche notevoli benefici in salute. Ma sono così incostante che, in breve tempo, mi sono annoiata... grave errore, guarda quanto è bello cremoso il tuo!!!

    RispondiElimina
  8. splendido! anche noi lo facciamo e ora ci aggiungo anche la coulisse di frutta sotto :-) buonissimi e sani sani sani! ciao Ely

    RispondiElimina
  9. Vedo con piacere che l'autoproduzione dello yogurt è comune a molti :)

    @lenny: bagnomaria???

    @Onde99: in effetti la prossima volta vorrei provare anch'io ad utilizzare lo yogurt preparato precedentemente...

    @Ely: che bella idea la coulis di frutta!

    RispondiElimina
  10. @Onde99: dimenticavo. La cremosità non è proprio il suo forte; nella guida suggeriscono di unire un cucchiaino di latte in polvere ma così facendo tutti i miei principi andrebbero a farsi benedire... :)

    RispondiElimina
  11. sopratutto in salute e poi si risparmia anche secondo me

    RispondiElimina
  12. @Gunther: completamente d'accordo con te!

    RispondiElimina
  13. Oooh, vorrei proprio provarci anche io in futuro! Grazie di aver postato questa idea!

    RispondiElimina
  14. @Jasmine: un utile promemoria ;)

    RispondiElimina
  15. Proprio così: qui il procedimento: bagnomaria in una pentola d'acciaio.
    Con questa ricetta ho debuttato nella rubrica ospitata da FrancescaV .....
    Anche il mio però non è perfettamente cremoso.
    Leggo però da Dodò-Infusione che per ottenere uno yogurt compatto è necessario partire da latte crudo e uno yogurt grasso, non zuccherato ....
    Io ho sempre usato latte fresco intero e yogurt bianco naturale (zuccherato) ....

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...