Marmalade my way

orange marmalade
Ci sono delle preparazioni classiche per le quali ogni famiglia possiede la propria ricetta. Che sia una torta di mele o una crema pasticcera, piuttosto che un consommè o una lasagna, un arrosto farcito o un cacciucco, dei cenci (per restare in tema) o delle confetture, la storia non cambia: il riferimento tanto rassicurante quanto importante c'è e in certi casi cavallo che vince non si cambia. Un pò, anzi, per quanto mi riguarda, quasi del tutto, per una questione d'affetto.

Questa marmalade è però una conquista relativamente recente, e che sia tale credo sia palesato dal nome stesso (vorrei averla sentita la bisnonna Lucia sentenziare, col mestolo in mano, "oggi mameleid!"). Mi sono stabilizzata su questi ingredienti (è risaputa la mia avversione verso le gelatine industriali) e dosi da un paio d'anni, quindi non posso che proporvela a cuor leggero così com'è. Credo che la prossima settimana la preparerò nuovamente, nell'attesa di poter soddisfare, con un colpo di fortuna, una tra le mie debolezze culinarie: la confettura di arance rosse di Siviglia, anche se temo sia già troppo tardi...

orange marmalade
Marmalade my way
dosi x 6 vasetti da 250 gr
(gli agrumi si intendono provenienti da coltivazioni biologiche e quindi non trattati, dimodochè la scorza sia completamente commestibile)

arance bionde di Ribera 2 kg
limoni piccoli 2
zucchero semolato bianco 1,2 kg

Lavate bene gli agrumi sotto l'acqua corrente fredda, eventualmente spazzolandoli con delicatezza. Asciugateli.
Spremete entrambi i limoni e tenete il succo da parte.
Su un tagliere ampio, in plastica e dotato di scanalature perimetrali (per raccogliere il succo) preparate le arance: tagliate via la calotta superiore e affettate il frutto sottilmente, in modo da ottenere fette spesse 2 o 3 mm, che saranno passate poi al coltello per ottenere piccoli pezzi. Poneteli via via in una ciotola larga, bagnando con il succo che si raccoglierà via via sul tagliere.
Versate le arance in una pentola molto capiente e dal fondo spesso; portate ad ebollizione e soltanto allora cominciate ad aggiungere a pioggia lo zucchero, mescolando bene. Unite il succo di limone e riportate a bollore. Lasciate sobbollire per almeno 50 minuti, avendo cura di mescolare spesso per non far attaccare sul fondo il composto. Al termine del tempo fate la prova piattino: se necessario proseguite la cottura fintanto che , prelevato un cucchiaino di confettura dalla pentola, questo non scenda molto lentamente su di un piattino quando viene inclinato. Spengete, togliete dal fuoco e lasciate raffreddare.
Invasate in barattoli perfettamente puliti e procedete con la normale sterilizzazione utilizzando capsule nuove.

18 commenti:

  1. Stavo giusto cercando da un po' di tempo una marmellata di arance "fidata"...
    Che sia lei, finalmente?! ;)
    Una domanda: secondo te a cottura ultimata posso passarla? Perché dalla mie parti "fanno un po' di fichi" per le marmellate con qualche (delizioso!) pezzettino di frutta...
    Wenny, può darsi che ci sia qualche problema con gli aggiornamenti? Il mio blogroll stamani non mi dava questo tuo post, ma ho visto che l'hai pubblicato venerdì...
    Buon pomeriggio cara!

    RispondiElimina
  2. la marmellata di arance è una delle mie preferite (assieme a frutti di bosco, e limone) ma, non sono mai riuscita a farne una decente. ho provato due volte, poi ho lasciato perdere... e ora arrivi tu! tentatrice ;)
    se nei prossimi giorni riesco a farla, ti faccio sapere.
    buona domenica! (anche a me il tuo aggiornamento è apparso solo oggi).

    RispondiElimina
  3. Ciao! Per prima cosa vi tranquillizzo sull'AGGIORNAMENTO: non c'è niente che non funziona tranquille. Il post è stato scritto venerdì e poi salvato nelle bozze; la pubblicazione è avvenuta stamattina ma blogger data comunque l'articolo a quando è stato scritto. Me ne sono accorta qualche mese fa :)
    Risolta questa,

    @Carolina: se ti piacciono le marmalade, quindi preparazioni a consistenza un pò gelatinosa, questa dovrebbe piacerti :)
    Io non l'ho mai fatto, ma credo non ci siano problemi a passarla una volta terminata: magari puoi provare a sbucciare (chessò) metà delle arance, perchè forse la purea risulterebbe un tantino troppo amara? Sai, così a pezzetti l'amarognolo è bilanciato dalla quantità di zucchero, ho solo il dubbio che con l'operazione di passatura l'amaro possa guadagnare in presenza...
    Un bacione!

    @the t time: frutti di bosco e limone? Occhebbontà! T'assicuro che questa marmalade è davvero banale nell'esecuzione e buonissima! Fammi sapere. Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  4. Grazie mille Wenny, sei un tesoro.
    Ti faccio sapere, ok!?
    Buona serata!

    RispondiElimina
  5. bellissima ricetta e anche io ho la mia, o meglio, quella delle nonne...

    ciao!

    RispondiElimina
  6. magnifica ha un colore bellissimo da mangiare con il cucchiaio

    RispondiElimina
  7. ciao Wenny!!!! visto che appena tornata son venuta subito a trovarti??
    detto questo passiamo anche alla marmellata. La mia preferita. nella mia famiglia (o dovrei dire in quella di mia madre..io non ci ho mai provato!) si fanno solo marmellate di agrumi, con una fortissima preferenza per quelle di arance. e devono essere belle ruvide e con i pezzettoni di buccia che si sentono ben bene!! proprio come la tua! se no che gusto c'è a farla in casa??' :D

    RispondiElimina
  8. Anche io sto sperimentando con vari agrumi (per ora arance, mandarini e il mio amato lemon curd). La marmellata di arance è l'unica che mi faccia mangiare una crostata!
    Un appunto da traduttrice pignola e rompiscatole quale io sono.
    La marmalade in inglese è solo la marmellata di arancia, dunque non è necessario specificare.
    Te lo dico perché ricordo sempre la mia amica Monica, messicana, che quando si fidanzò con Tom, irlandese, e lo raggiunse a Dublino, trovò un lavoretto come cameriera in un bar. Un giorno mentre prendeva l'ordinazione a un tavolo si sentì chiedere del pane tostato e del burro e della marmalade. Lei chiese, educatissima: "Quale gusto?" e il cliente ripeté, tetragono: "Ho detto marmalade". La cosa andò avanti per qualche minuto e Monica stava davvero per spazientirsi, finché non fu chiarito l'equivoco. La marmalade, dunque, è solo la marmellata di arance; tutte le altre sono jams.
    Mamma che rompiscatole che sono, abbi pazienza con me!
    :-)

    RispondiElimina
  9. @simo: immaginavo, mi ricordo perfettamente le meravigliose arance che comparvero sul tuo blog tempo fa :)
    Buona giornata!

    @Gunther: ti ringrazio. Infatti io un cucchiaino me lo sono fatto fuori così, è così piacevole poi "spezzettare" le buccette...
    Buona giornata!

    @Moscerino: ma ciao!!! Che piacere grande rileggerti e che onore sapere che sei passata subito a trovarmi :)
    Hai descritto proprio bene il tipo di arance necessario: sono così sciacquette quelle morbidine e liscine di certi super... Chissà che buone quelle di casa tua!
    Un abbraccio forte

    @Duck: grazie, grazie, grazie!!! Hai fatto benissimo a specificare, ti invito a farlo ogni volta :)
    Amo sapere di utilizzare il termine giusto, purtroppo in certi casi non ho l'esperienza adatta o, in riferimento a questa volta, il dizionario (che per l'appunto mi indica come "marmalade" la marmellata di arance o di limoni. Qui mi chiedo: esiste allora una marmellata di limoni -che dunque sarebbe una lemon jam- oppure non è uso farne una perchè con i limoni si prepara generalmente il lemon curd (ancora, visto che usi il maschile, mentre spesso ho notato che essendo tradotto come "crema" è utilizzato il femminile, ti chiedo quale sia la traduzione corretta)?
    Detto questo correggo il titolo del post :)
    Mi raccomando non esitare mai a puntualizzare.
    Un abbraccio grande, buona mattina :)

    RispondiElimina
  10. Complimenti, cara, per la profumata e deliziosa marmellata! Baci

    RispondiElimina
  11. Davvero spettacolare questa marmellata con i pezzettoni.. me la immagino già sul panino appena tiepidino.. chissà che aroma..

    RispondiElimina
  12. Yummi! :)
    Senti, ma una cosa così - di consistenza - io potrei frullarla? Perchè odio le marmellate coi pezzi e mi piacerebbe fare questa, ma dovrei proprio frullarla... :)
    Grazie!
    A presto

    RispondiElimina
  13. @Lady Boheme: grazie, sei sempre molto gentile. Buona serata!

    @La cuoca pasticciona: si, si, siii! Bellissima immagine quella della marmellata stesa sul panino tiepidino ;)

    @Jasmine: ciao! Credo proprio di si :)
    Anche Carolina nel primo commento a questo post me l'ha chiesto: leggi un po su e vedi un pò "se ti torna" come ragionamento.
    A presto!

    RispondiElimina
  14. Su qualsiasi dizionario troverai che marmalade può riferirsi sia alla marmellata di arance sia a quella di limoni (e ho anzi il sospetto che possa applicarsi a qualunque conserva a base di agrumi, dunque anche di pompelmi, per es.)
    Ma a qualsiasi inglese suonerebbe 'strano' sentire qualcuno che, riferendosi ad una marmellata di limoni, dicesse marmalade invece che lemon jam (che si fa come tutte le altre marmellate ed è anche abbastanza diffusa). E' il tipico caso in cui l'uso contraddice la norma.
    Quanto al lemon curd, una traduzione esatta in italiano non esiste, ovviamente. Il mio amico Matthew, che parla un ottimo italiano anche se sembra Stanlio e Ollio, lo considera maschile, ma ignoro in base a quale criterio. Io, come lui, lo considero maschile e non ti so dare una spiegazione, se non che mi suona meglio dire 'il lemon curd. E' un caso diverso rispetto, ad esempio, al termine cake, che va di moda da un po' di anni e che alcuni declinano al femminile e altri al maschile. Io trovo abbastanza orrendo dire 'il cake', e se possibile anche più orrendo dire 'la cake, soprattutto perché in questo caso un equivalente in italiano c'è ('pane salato', 'torta salata') e dunque trovo molto lezioso usare il termine inglese per qualcosa che invece può tranquillamente essere detta in italiano, mentre per il lemon curd, non esistendo, che io sappia, una preparazione che in qualche modo gli assomigli, si tiene il nome in originale e l'articolo va a discrezione (considerato che in inglese i sostantivi non hanno genere).
    Mi sa che ti ho fatto dormire, con questo sproloquio...
    :-)

    RispondiElimina
  15. I like your way....i love marmalade!:)
    ben fatto cara!

    RispondiElimina
  16. La conosco: l'ho ricevuta in regalo qaulche anno fa ed è buonissima :))
    Al momento di prepararla, quest'anno volevo usare questa una ricetta molto simile ....

    RispondiElimina
  17. E pensare che un tempo la ricetta di questo post avrebbe potuto lasciarmi indifferente (mai il modo con cui racconti, però, eh!)...invece negli ultimi anni sono diventata una degustatrice folle di "mameleid". Questa non me la faccio scappare, giuro !!! Un grande abbraccio cara Wenny.

    RispondiElimina
  18. @Duck: intanto ti ringrazio, nuovamente. Sei preziosissima e così disponibile! Se non hai niente in contrario magari domani faccio un "nb" in fondo al post con le tue precisazioni... quanto sono felice per quanto mi hai insegnato! Buona notte :)

    @terry: really? thank you so much dear!

    @Milena (non più lenny?): in effetti le marmellate si assomigliano in tante... ma ognuno è attaccato ai suoi 5 gr in più o in meno :)

    @Marilì: e forse anche per una questione di lavoro no? Che "incombenza" :)
    Buona notte cara

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...