Terrine di patate e fontina con crumble di cavolo siculo

terrina di patate e fontina con crumble di cavolo siculo
Ho meditato a lungo su questa preparazione, tutto a causa del mio nuovo giocattolo :)
Fino a stamattina ho avuto tra le mani un ortaggio che va sotto il nome di "cavolo siculo" (perlomeno così il mio ortolano l'ha etichettato), un'assoluta rivelazione per me, e che come tale ha causato un rincorrersi di intuizioni e suggestioni culinarie, passando per istanti davvero toccanti di commossa contemplazione della crucifera in oggetto succeduti a momenti di ipnosi e tentato esercizio dell'arte della maieutica.
Ero scettica, qualunque soluzione pervenisse.
Dalla vellutata al flan, dal gratin alla mousse, alla fine ho detto basta: inutile imporre a priori una preparazione a qualcosa di cui neanche si conoscono le proprietà. E allora informiamoci.
La ricerca seguente è stata illuminante e determinante: è tanto prezioso che va consumato nella sua pienezza di gusto e di colore, cioè crudo.

Il cavolfiore violetto è, infatti, una varietà da tutelare che possiede caratteristiche ben diverse dai parenti pallidi: quell'incipriatura della testa che tanto ci piace non è mica tintura di iodio, scherziamo, è la pigmentazione dovuta alla presenza di carotenoidi e antociani (un mix di carote, uva e mirtilli per intenderci) che a seguito di studi condotti pare contribuiscano alla prevenzione di alcune forme tumorali.
A questo punto avevo appurato di dover battezzare il mio incontro con quest'ortaggio rendendogli onore, proponendolo in tutta la sua croccantezza e il suo sfarzo, alla cima e non mischiato con gli altri. Sarebbe dovuto venire per primo e farsi ricordare.
Che mi invento? Qualcosa di molto molto semplice, ma che è riuscito a venire incontro ai miei propositi: una base morbida e carezzevole, di quelle che piacciono a me, una sferzata di sapore invernale e infine lui, tutto tronfio e soddisfatto di aver guadagnato il trono.
Buon fine settimana :)

terrina di patate e fontina con crumble di cavolo siculo
Terrine di patate e fontina con crumble di cavolo siculo

patate a pasta bianca (preferibilmente vecchie) 4 piccole
latte qb per bollire le patate+ qualche cucchiaio
burro una noce
noce moscata
fontina valdostana 80 g
cavolo siculo 1 molto piccolo
olio evo
sale
pepe nero lungo

Dividete il cavolo in cimette, lavatele accuratamente e lasciate asciugare su un telo pulito. Con un coltellino separate ancora le cimette, seguendo le naturali ramificazioni, ottenendo parti grandi non più di un centimetro.
Lavate le patate sotto l'acqua corrente, spazzolandole bene per togliere ogni residuo di terra. Ponetele in una pentola e copritele di almeno una spanna con acqua e latte in parti uguali. Portate a bollore e cuocetele per circa 30'-40': controllate che siano tenere.
Preriscaldate il forno a 180°C.
Prelevatele dalla pentola con una schiumarola, sbucciatele e passatele allo schiacciapatate. Ammorbidite il composto con un pò del liquido di cottura e aggiungete il burro. Mescolate bene, salate, pepate e insaporite con la noce moscata. Distribuite il composto nelle cocottes imburrate e livellate bene.
Passate la fontina alla grattugia a fori larghi e adagiatela sopra la purea di patate.
Sistemate le terrine in una teglia grande, aggiungete acqua fino ai 2/3 del bordo e infornate. Cuocete per 10'-12'.
Sfornate, estraete le terrine e concludetele con le cimette, a mò di briciole. Condite con un giro di buon olio d'oliva e una grattugiata di pepe lungo.

Qui l'approfondimento sul cavolfiore violetto

21 commenti:

  1. Dovevi in effetti dargli un posto d'onore con la sua bella chioma, hai trovato l'idea migliore un piatto vero ma quasi in purezza ;-) Adesso pero' mi è venuta voglia di provare. Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  2. Vedo che la "parrucca incipriata" si è trasformata in uno splendido manicaretto! Bacioni e buona giornata

    RispondiElimina
  3. é davvero bellissimo! E hai saputo dargli una buona collocazione a tavola, con patate e fontina... gnam gnam!

    RispondiElimina
  4. Mi sono proprio divertita a leggere questo post: dalla contemplazione, all'approfondimento e dall'illuminazione al trionfo del re... Divertente, divertente! Avrei voluto vederti... ;)
    Buon fine settimana cara e un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. @dada: riesci sempre a sintetizzare in maniera invidiabile :)
    un abbraccio!

    @Lady Boheme: grazie mille e a presto, davvero stavolta :)

    @Gloria: ti ringrazio :)
    Volevo legarlo ai sapori dell'inverno, così ho optato per una coppia assai robusta (che oltretutto incontra i favori dei più :))

    @Carolina: felice di averti fatto sorridere; se ben ricordo stai lavorando alla tesi in questi giorni...
    Vorrei tanto scriverti una mail, ma ho talmente poco tempo... se non stasera, domattina.
    Un gran bacio!

    RispondiElimina
  6. oddìo alla terza riga dell'intro mi sono detta: fare a pezzi piccoli per ovviare alla "non cottura". come? dopo pochi secondi mi avevi già risposto!
    e coom'è il sapore, a crudo?
    e una fondutina sopra, per finire con una corona questa chioma? (che io non conoscevo neanche un po', chissà se si trova, qui a roma....)
    grazie bellezza, e buon finesettimana!

    RispondiElimina
  7. unico mio problema è che da me questi bei prodotti non arrivano, garzie per avermelo fatto conoscere

    RispondiElimina
  8. @vaniglia: buongiorno! Rispetto al cavolfiore bianco è molto più delicato, seppur saporito.
    Quanto alla fondutina: proprio non l'ho presa in considerazione, non credi che con la fontina sottostante si creerebbe una sorta di ridondanza? Ho preferito coronare con il gusto di un olio evo di qualità (a scelta, piccantino se nuovo o delicato se ligure, ad esempio) e il pepe nero lungo, che ti consiglio assolutamente di provare, chè non ha niente a che vedere con il tradizionale pepe nero.
    Buon lunedì!

    @Gunther: piacere mio. Così se lo vedi non te lo lasci scappare ;)
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  9. ma è splendido questo cavolo!

    RispondiElimina
  10. Pazzesco questo cavolo, non l'avevo mai visto!! Sono sconvolta! :) Appena mi capita di passare al mercato lo cercherò disperatamente!!
    Wow. E anche al ricetta... che bella idea.
    Prendo nota :)

    RispondiElimina
  11. A parte essere molto indignata con Flickr, perché non riesco a vedere la prima foto di ogni post, visto che la seconda la vedo, posso solo dire di essere soggiogata dalla bellezza di questa crucifera, che, davvero, non conoscevo...

    RispondiElimina
  12. @iana: vero? :)

    @Jasmine: ciao! Questo per me è il primo anno che lo incontro, ma è anche il primo anno che faccio la spesa al mercato ogni settimana. Al super non l'ho mai visto e credo proprio che non rientri nei bilanci :)
    Buon pomeriggio!

    @Onde99: davvero? Flickr crudele; ho controllato da altri pc ma è tutto regolare... mi dispiace molto :\
    E' davvero molto bello. Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  13. Ciao Wenny cara, che bello il cavolo siculo con le cimette spruzzate di viola, mettono allegria, poi il tuo racconto è sempre motivo di sicuro intrattenimento. A presto carissima !

    RispondiElimina
  14. bellissima ricetta! hai trovato il gusto modo per gustarlo!!! Pensa che a me piace tanto crudo anche il classico cavolfiore pallido pallido!!!
    Un bacione giulia

    RispondiElimina
  15. @Marilì: che gioia vederti passare! un bacione

    @giuia: ciao! Quella dei cavolfiore crudi in insalata per me è una novità, una buonissima novità... buona serata :)

    RispondiElimina
  16. *wenny: pepe nero lungo????
    io so'ignorantissima in merito...
    sì, avevo pensato alla ridondanza, ed in effetti la fonduta si riferiva solo alla stratigrafia superiore, della cosa, non a tutto il crumble, che è perfetto così...
    (era più una cosa per ovviare alla mia paura di crudo, con una cosa quasi cotta sopra!)
    bacibaci

    RispondiElimina
  17. @vaniglia: provalo, provalo perchè merita...
    Capisco perfettamente la paura del crudo, coi cavoli poi, si accentua vertiginosamente :)
    se provi fammi sapere!

    RispondiElimina
  18. mai visto questo broccolo viola!
    che spettacolo...e bbuona pure la ricetta proposta!:)
    complimenti!

    RispondiElimina
  19. wow! ma io mi ero persa questo...!
    Com'era poi il cavolo bello?

    RispondiElimina
  20. @terry: benvenuta! Passa quando vuoi :)

    @cavoliamerenda: mi trascuri :(
    :DDD
    una rivelazione, croccante e per nulla indigesto, più delicato del parente pallido. E poi tanto bello!

    RispondiElimina
  21. NOn sapevo dell'esistenza del tuo blog, ma é eccezionale e adesso avrai una fan in più complimenti.. bacio a presto

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...