Strudel vegano

strudel vegano
Mi basta chiudere gli occhi per essere nuovamente riempita da quel prezioso e inestimabile oro.

Quando si dice essere al posto giusto nel momento giusto: nel mio caso non mi è stata offerta alcuna occasione per una brillante carriera o per un mirabolante viaggio caraibico, bensì una pausa meravigliosa e ricercata inconsapevolmente, una parentesi tonda tra ieri ieri l'altro e ieri l'altro ancora e un pomeriggio stile maratoneta, domani e dopodomani e dopodomani ancora.

Non so se capita anche a voi, ma io a volte sento il bisogno di far passare attraverso le mani un certo stato d'animo: quello che era raccolto nella mia parentesi aveva bisogno di natura, di cibi freschi e poco lavorati. Che sapesse di terra e di radici, che fosse spartano e sfacciato, che si facesse toccare e annusare.

Così ho scelto questo strudel: è davvero una meraviglia, da preparare la sera, da mangiarsi a colazione.
Attenzione: non saltare la fase di mescolamento degli ingredienti del ripieno senza odorare bene, possibilmente, prima di aggiungere la cannella, dare una girata con le mani :)
E' poco ortodosso e poco educato, lo so, ma così bello!

Buon fine settimana carissimi.

strudel vegano

15 commenti:

  1. Goditi queta pausa ben meritata, la scelta di questo dolce è veramente azzeccata, particolare la pasta, mai provata con l'olio di girasole...Un bacio

    RispondiElimina
  2. A me succede frequentemente Wenny... Diciamo che un paio di giorni del genere ogni due settimane mi servono proprio. Ma non si tratta solo ed esclusivamente di cucina, ma anche di stati d'animo, di abitudini, di modi d'essere... Lo vivo come un eterno ritorno alle radici.
    Ti confesso che la sottoscritta adora la famosa "mescolata con le mani"... ;)
    Buon fine settimana anche a te!

    RispondiElimina
  3. niente di maleducato wenny, anzi di doveroso!
    la differenza sta in quale tipo di mani, non nello strumento!
    grazie per avermi fatto conoscere questo blog interessantissimo, nonchè la ricetta.
    Ne avevo promessa una a mia sorella, da cercare in qualche blog fidato (tipo te!), ed eccola che arriva.
    bacetti, e buona pausa.

    RispondiElimina
  4. @Milla: trovi che sia azzeccata? A me è piaciuto subito, questo strudel :)
    ah, data la mia avversione nei confronti degli olii di semi, ho impastato con il tradizionale olio evo.
    buon sabato!

    @Carolina: Felice di sapere che anche tu avverti questa necessità. In effetti hai detto bene, ha un che di "primitivo".
    un abbraccio!

    @vaniglia: le mani, le mani, dovremmo saperlo bene, noi, che sono uno strumento fondamentale :)
    il blog di tippitappi è una miniera di idee, a me piace molto.
    buon fine settimana :)

    RispondiElimina
  5. Ciao carissima, complimenti per questo strudel delizioso! buon fine settimana

    RispondiElimina
  6. che bella ricetta, che bel post, inizia a venirmi voglia di cose buone; so che devo stare molto attenta, e forse questo strudel è una delle poche cose che può fare per me ...
    oggi mi hanno regalato kili di mele e pere, appena mi sento in forze proverò a farlo, anzi vediamo se qualcuno mi aiuta che mi sto annoiando a morte a passare dal letto alla poltrona e dalla poltrona al letto...
    ciao cara, goditi questi giorni di pausa!

    RispondiElimina
  7. Lo ammetto, non ho voglia di cucinare, da quando son tornata. Ecco, il profumo di questo strudel però, mi ha invogliata..
    a presto
    Alice

    RispondiElimina
  8. oh cara wenny (e carolina) come capisco questo vostro bisogno. che è anche il mio. costantemente. natura, odore di terra, di radici. di vedere il cielo, il volo degli uccelli, i fuochi accesi la sera...
    un caro saluto,
    tiziana

    RispondiElimina
  9. @Lady Boheme: grazie cara, buona domenica!

    @simo: sono proprio felice di rileggerti carissima, di sapere che adesso stai bene.
    Le cose buone e le persone care sicuramente ti aiuteranno moltissimo: se più avanti anche lo strudel ti farà compagnia ne sarò davvero contenta.
    Un abbraccio, stai bene :)

    RispondiElimina
  10. @Alice: ti tornerà, senza fretta :)
    Tenendo un blog ho imparato che è meglio pubblicare quello che "ci si sente", piuttosto che impastare e infornare biscotti forzatamente ogni tre per due :) i risultati sono migliori.
    Un bacione

    @Tiziana: oh, che belle righe, così evocative... certo non potrebbero essere altrimenti visto che sono scritte da te.
    Vedere il cielo, sentire la natura: necessità che, vorrei sottolineare, non hanno niente da spartire con un frivolo animo anelante a campagne bucoliche. Come ho già detto e come vete già detto, è qualcosa di profondo e sostanziale.

    Sono felice di leggere questi vostri commenti!

    Buon ponte!

    RispondiElimina
  11. bellissimo post, non avrei saputo trovare parole migliori per quella parentesi tonda, brava davvero.

    RispondiElimina
  12. Ottima idea di fare pausa specialmente se si parte...buon riposo! e grazie per lo strudel che dà sempre gioia mangiarne un pezzetto al mattino.

    L'hai fatto con l'olio evo?...allora un'ottima ricetta per il contest? ;)

    RispondiElimina
  13. @cavoliamerenda: si che ne avresti trovate. diverse, s'intende, ma evocative e vibranti. ne sono certa :)
    buona serata

    @Mariluna: non si parte, ma come dici tu è sempre un piacere!
    Il contest??? sieee, siete troppo brave :)))
    baci

    RispondiElimina
  14. mi hai fatto molto ridere anche io giro con le mani l'impasto del ripieno, eh si un bello strudel è quello che ci vuole tutte le mattine

    RispondiElimina
  15. Gunther, davvero? Dai che bello!!!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...