[...]

eravamo in tre
Credo che potrei raccontare un anno intero attraverso il mio giardino.

Adesso le foglie stanno marcendo, l'ultima pioggia novembrina le impasta alla terra profumata che fa capolino tra i sassi dei vialetti e i ritagli delle aiuole.

Tra gli alberi che abitano quest'intorno di mondo c'è chi ha delle piccole crocchie di petali bianchi e chi, completamente denudato, osserva lo sgocciolare lungo i suoi arti sottili e nodosi.

Tra le siepi s'affacciano bocci di rosa e mille e mille strane bacche: sono le meraviglie, consuete e amate, di chi sta scrivendo.

il mio cosmo aranciato

guarda su...

bianchi grappoli

17 commenti:

  1. Grazie per questa parentesi un po' sospesa :-) Baci

    RispondiElimina
  2. Credo proprio che Messer Inverno si sia impadronito del tuo meraviglioso giardino... nonostante il tempo inclemente, è comunque affascinante!

    RispondiElimina
  3. Come ti invidio un giardino, e la capacità di raccontarcelo attraverso le tue foto.
    Brava!

    RispondiElimina
  4. il fascino dell'autunno abita nelle tue foto e nelle tue parole, oltre che nel tuo giardino :)

    RispondiElimina
  5. @dada: anche da te si respira un aria leggera :) buona serata cara

    @Lady Boheme: ti ringrazio, un bacio!

    @Duck: il mio caro giardino, ah, quanto mi mancherà quando dovrò salutarlo! un abbraccio

    @salsadisapa: grazie omonima :) sei sempre gentilissima... buona serata!

    RispondiElimina
  6. Ancora non è un anno che abito in questa casa che ha il giardino, è finito adesso il ruotare delle prime 4 stagioni, e ad ogni loro passaggio mi sono sorpresa e ho trovato il giardino bellissimo, ad ognua mi dicevo questa è la più bella, ma poi arrivava la successiva portando nuovi colori e odori...non c'è primavera, estate, autunno, inverno c'è solo il meraviglioso cambiare delle piante..

    RispondiElimina
  7. Anch'io adoro ammirare il passaggio delle stagioni attraverso il mio giardino... E ogni volta mi emoziono nuovamente per quei piccoli e caratteristici segni...
    Buona giornata cara.

    RispondiElimina
  8. @Milla: buongiorno! grazie di questo tuo commento, mi piace leggere le storie "dei giardini altrui" :)
    un abbraccio

    @Carolina: ecco un'altra fortunata, perchè è così che mi sento io, ad avere un giardino, e penso che sia un minimo comun denominatore :)
    Immagino che anche il tuo sia splendido...
    Buona giornata a te cara

    RispondiElimina
  9. Wenny, ti prego, raccontacelo davvero un anno attraverso il tuo giardino!!!

    RispondiElimina
  10. Wenny, non vorrei aver preso un granchio colossale, ma io sono convinta di averti visto sul trafiletto di Alice Cucina (la rivista del canale omonimo) in cui soco citata anche io. Se ho preso una svista ti chiedo scusa fin d'ora, ma stasera riguardo e te lo dico. Un abbraccio :))

    RispondiElimina
  11. @Cibou: ma figurati, ne ho anch'io di sviste, come di errori di battitura ;)
    se però controlli mi fai un piacere, sai, un pò mi interessa...
    un abbraccio a te cara

    @the t time: :)

    @Onde99: magari, dovrei provare davvero, chissà, potrebbe uscirne qualcosa di buono!
    buon pomeriggio

    RispondiElimina
  12. come mi piacciono le foto agli alberi "da sotto"... mi fa pensare di avere la testa nel prato.
    anche nelle foglie cadute e umide va bene, la capoccia a terra è sempre un'eperienza meravigliosa...

    RispondiElimina
  13. Che invidia che hai un giardino!! L'ultima foto è stupenda!
    Alice

    RispondiElimina
  14. @vaniglia: che bella immagine mi hai lasciato. scommetto che da piccola non ti sei fatta mancare le rotolate lungo i piccoli pendii dei campi :) (sennò prova!)
    un abbraccio

    @Alice: Allora virtualmente quella fotografia è dedicata a te, e la uso come cartolina per farti i miei migliori auguri di buone feste :)

    RispondiElimina
  15. Grazie mille, che gentile!!! quelle palline bianche mi piacciono un sacco..ma cosa sono?

    RispondiElimina
  16. @Alice: prego :) sai che non so cosa siano? E' una delle piante più vecchie del mio giardino, insieme all'albicocco e ai rododendri è stata piantata da mio nonno...
    Fa questi grappoletti, le cui bacche hanno la superficie che al tatto assomiglia a carta velina, la consistenza assomiglia a quella di una spugnetta :)
    notte notte!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...