Crema di peperoni, con feta e pinoli

peperoni!

Settembre!
Già soltanto pronunciarne il nome mi mette in una disposizione d'animo che amo moltissimo, figuriamoci quando arriva davvero.
Perchè mai lo sto accogliendo con una preparazione decisamente estiva? Perchè, con le ferie nel mezzo, quel che ho cucinato e che aveva diritto ad un post non ha avuto mai modo di esser pubblicato. Rimedio da adesso: ecco perchè rifilerò qualcosina un pò "fuori tema"... Non ho certo dimenticato il mio sacro voto alla stagionalità ;)

Questa ricettina l'avevo promessa addirittura diverso tempo prima di partire.
Ieri sera mi è venuta una curiosità, e ho cercato di chiarirmi le idee sull'universo zuppe, creme e vellutate.
Risultato? Ho scoperto che fino ad adesso, titolando le mie ricette "a sentimento", ho sbagliato quasi sempre vocabolo!
Prima separazione (questa è facile): nelle zuppe gli ingredienti base sono lasciati a pezzi, mentre e nelle creme e nelle vellutate sono passati.
Secondo: si parte da un roux bianco in entrambi i casi (farina+burro). Cambiano gli ingredienti da addizionare e con cui cuocere la passata ( di verdura, di carne o di pesce) e quelli per legare alla conclusione.
Infatti,

creme> al roux bianco si aggiunge del latte, ottenendo così una salsa besciamella, si addiziona un passato, si mescola e si cuoce con del brodo, alla fine si lega con il burro.

vellutate> al roux bianco si aggiunge del brodo, ottenendo una salsa vellutata, si addiziona un passato, si mescola e si cuoce con altro brodo, alla fine si lega con panna e rosso d'uovo.

Per queste preziose informazioni ringrazio di cuore Lorella: entrano a far parte integrante della mia "teoria", perchè, conoscendomi, da brava pigrona e semplificatrice, la pratica sarà quella di sempre...


peperoni!
Crema di peperoni rossi e feta

peperoni rossi 2
cipolla bianca 1
feta 40 g
pinoli 1C
farina 1C
brodo vegetale 500 ml
olio evo
basilico qualche foglia
sale e pepe

Lavate e asciugate i peperoni, privateli del picciolo, dei filamenti bianchi e dei semini; riduceteli in piccoli pezzi.
Spellate la cipolla e affettatela finemente.
In una pentola fate appassire la cipolla con un giro di olio evo. Aggiungete i peperoni e mescolate, facendo insaporire. Spolverizzate con la farina e mescolate ancora, riducendo quanto più possibile i grumi. Dopo un paio di minuti aggiungete, in una volta sola, il brodo intiepidito e mescolate ancora una volta.
Unite il basilico spezzettato con le mani, sale e pepe e cuocete a fuoco medio per circa mezz'ora.
Frullate il composto con il minipimer, controllate la sapidità,e lasciate raffreddare in frigorifero (io la preferisco tiepidina).
Prima di servire tostate i pinoli in un padellino antiaderente senza condimento, sbriciolate la feta e impiattate. Spolverate ogni porzione di crema con il formaggio, una buona macinata di pepe nero e i pinoli tostati.

P.s.: rispondo a vaniglia, che nel suo ultimo post mi ha passato la palla rinfilandomi un giochetto, che consiste nel chiedere a una persona cosa ci sia scritto a pagina 161, rigo 5, del libro che sta leggendo.
Il mio (che s'è un pò offeso) dice:

"[...]Aleksàndrovič. Egli stimava questa azione spirituale una fantasticheria [...]".

Chissà chi è...

P.p.s.: visto che devo girarlo, chiamo in causa Marilì!

Aggiornamento: La frase è tratta da Anna Karenina, traduzione di Leone Ginzburg. Lo sottolineo perchè ho trovato in giro versioni a dir poco vergognose!

14 commenti:

  1. Carino il "giochino"... Mi ha incuriosita subito! E così sono andata a vedere...
    "[...] nio". SI PUò ESSERE PIù SFIGATE DI COSì!?!?

    Cambiando discorso: utilissima la distinzione!
    Non ne sapevo niente... Zuppe, creme, vellutate, roux bianco con latte o con brodo,... Ho arricchito il mio bagaglio culturale stasera! Grazie.
    Buonanotte Wenny...

    RispondiElimina
  2. anche io ho ampliato il mio bagaglio (anche se sto per postare una vellutata nel solito modo "ignorante" mio...

    ora però cara mi devi dire che libro è sennò vengo a pescarti a firenze di persona per la curiosità!!!!

    invece mi ha fatto sorridere la frase di carolina... secondo me molto intrigante ed "ermetica"!

    RispondiElimina
  3. ottima questa crema! complimenti!

    RispondiElimina
  4. @Carolina: quanto meno è curioso, si :)
    per quanto riguarda il rigo... eheheh! c'est la vie!
    buona giornata, un abbraccio :)

    @vaniglia: oh si, anch'io, ci faremo compagnia: tuorlo e panna mi fanno una paura!
    riserverò questa ortodossia a avvenimenti importanti, così da poter fare sfoggio di queste nozioni ;)
    Ho aggiornato ;)

    @Federica: grazie! come dissi tempo fa, è una riproposizione di uno dei cavalli di battaglia della mia sorellina.
    a presto!

    RispondiElimina
  5. Ma no, ma no, non è finita l'estate e questo peperone trionfante e la sua crema lo confermano!

    RispondiElimina
  6. Oh, signore, che distinzione complicata... Mi sa che allora io non ho mai fatto né creme, né vellutate, perché questo roux non so nemmeno cosa sia... Io frullo tutto e aggiungo panna, come si chiamerà? Non importa, questa cosa che hai fatto con i peperoni e la feta è buonissima e a quest'ora si comincia a fantasticare sulla possibilità di mettere sotto i denti qualcosa di saporito!!!

    RispondiElimina
  7. NB: per quanto riguarda il miele usato per condire i caprini, sai che non so di cosa sia? Ce l'ha regalato un paziente del mio ragazzo, si tratta di miele artigianale e non è etichettato. Ha un gusto un po' amarognolo, ma non abbastanza per essere castagno... Comunque il castagno è perfetto per questa preparazione, io stavo pensando anche di osare con l'eucalipto...

    RispondiElimina
  8. splendido.
    un libro che devo leggere.

    grazie <3

    RispondiElimina
  9. Son troppo sicura che questo i piacerebbe da matti!!!!!

    RispondiElimina
  10. @dada: :)

    @Onde: faremo un bel gruppetto di eretiche :)
    grazie per le dritte sul miele: mia mamma mi ha portato come ricordo delle sue vacanze una discreta selezione, tra cui quello di eucalipto. Non lo conosco, non mi resta che provare ;)
    grazie ancora!

    @vaniglia: c'è chi ha detto che "i russi e joyce sono per quando si diventa nonni", intendendo dire che chiedono tempo, tanto tempo. Ecco perchè mi sono messa sotto a luglio ^^

    @Maya: benvenuta! io sono un'amante di passatine & co. (basta che sbirci un pò per il blog e te ne fai un'idea ;)) e questa è una delle mie preferite, tra quelle estive.
    ti aspetto, ciao!

    RispondiElimina
  11. Creme, vellutate e zuppe: un universo di bontà :))

    RispondiElimina
  12. Accidenti Wenny, questa del roux non me la aspettavo. Qui allora dobbiamo tutte recuperare a settembre !!!
    Per il giochino... ecco, arrivo, aggiorno il post di oggi, alrimenti io sono capace di andare a finire a metà settembre col prossimo :-).
    P.S. Con la storia del coccio mi ha fatto morire dal ridere hi hi hi
    Byeeee

    RispondiElimina
  13. @lenny: quanto sono d'accordo: un passepartout per ogni stagione!

    @Marilì: hai visto che ti stupisco ;)
    grazie per aver partecipato al giochetto!
    A presto!

    RispondiElimina
  14. che belle queste foto dei peperoni! E anche la ricetta: peperoni e feta mi ispirano un sacco! ciaooo!
    S.

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...