La Limonaia di Palazzo Pitti

Limonaia, Palazzo Pitti
Sabato mattina sveglia presto. Anche di sabato?
Si, se c'è una buona ragione.
La nostra era a dir poco ottima: spavaldi verso una mattinata che si preannunciava torrida abbiamo attraversato piazza della Signoria, sgomitato tra frotte di turisti per Ponte Vecchio e raggiunto finalmente la nostra meta.
Erano molti anni che nè l'uno nè l'altra varcava la soglia di Palazzo Pitti: mi accompagnavano vaghi frammenti di una gita scolastica, mentre mister f. aggrottava la fronte allo scorrere dei suoi ricordi d'infanzia. E' stato bello ascoltarlo mentre, sorpreso e stupefatto, riconoscendo ogni salita, giravolta e anfratto del giardino, mi raccontava sbalordito di quanto quel luogo gli pareva "rimpicciolito": pensare che vent'anni fa non riusciva a salire da solo su quelle panchine in pietra serena...
Il giardino di Boboli, che si apre alle spalle di Palazzo Pitti come un lago verde punteggiato da candidi gruppi scultorei, è in ogni caso vastissimo: ecco perchè ci siamo diretti subito verso la Limonaia, sede della mostra che volevamo visitare. Vi lascio qualche scatto e il suggerimento di recarvi se mai capitaste nei paraggi.
Buona passeggiata.
Limonaia, Palazzo Pitti

Limonaia, Palazzo Pitti

Limonaia, Palazzo Pitti

Limonaia, Palazzo Pitti

Limonaia, Palazzo Pitti

Limonaia, Palazzo Pitti

Limonaia, Palazzo Pitti

Limonaia, Palazzo Pitti

Limonaia, Palazzo Pitti

Limonaia, Palazzo Pitti

Limonaia, Palazzo Pitti

Limonaia, Palazzo Pitti

Fontana del Gianbologna, Palazzo Pitti

Fontana del Gianbologna, Palazzo Pitti

Palazzo Pitti

Giardino di Boboli, Palazzo Pitti

Verso san Giovanni

Giardino di Boboli, Palazzo Pitti

9 commenti:

  1. Grazie mia cara... meno male che ci sei andata tu per me, io sarei morta di caldo...

    RispondiElimina
  2. coraggiosi!!! le città d'arte a fine luglio sono invase dal mondo!!!

    RispondiElimina
  3. Mi hai fatto riaffiorare alla mente una serie di ricordi legati ad una gita scolastica di ehmmmm qualche anno fa:)
    Dopo sono tornata un paio di volte a Firenze, ma mai più in questo favoloso palazzo. Grazie!:)

    RispondiElimina
  4. @Onde: figurati, cara concittadina ;)

    @pinguil: è vero, ci sono delle occasioni però che non puoi proprio mancare... se il tempo non è clemente pazienza: ogni lasciata è persa!

    @sweetcook: spero sia stato piacevole :)

    RispondiElimina
  5. Più che un suggerimento, è un invito irresistibile, con immagini di rara bellezza :))

    RispondiElimina
  6. :O che posto splendido... non ricordavo che palazzo pitti avesse una limonaia!

    RispondiElimina
  7. @lenny: grazie :)

    @salsadisapa: vero? in questo periodo è sede di mostra come ho detto, mi piacerebbe visitarla quando è spoglia, vederne le pareti e la sua organizzazione :)

    RispondiElimina
  8. Già... Anche a me il Giardino di Boboli apparve rimpicciolito dopo tanto tempo che non ci giocavo più.
    Come forse la maggior parte dei bambini fiorentini, io la mia infanzia, i miei doposcuola, li ho passati tutti lì... Persino i primi punti me li hanno messi dopo una caduta mentre giocava sguaiatamente con mio cugino in quel posto!
    Cercare le fragoline di bosco, fare mazzolini di margherite, dare il pane secco ai pesci rossi,...
    La mia scuola si trovava in Via dell'Orto, e sia i miei nonni paterni che quelli materni abitavano nel Viale Petrarca... Questo vuol dire che per me andare a giocare ai giardini equivaleva esclusivamente andare a Boboli. E adesso più che mai sono contenta che sia stato così.
    Un posto bello, bello, bello, e pieno zeppo di ricordi.
    Buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  9. Cara Carolina,
    voglio ringraziarti per i bei commenti che mi lasci ogni volta che passi: sono così sentiti e emozionati che mi sento onorata di poterti leggere.
    Grazie :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...