Sandali e miele

fior d'acacia

E' proprio vero che dalla necessità di cambiare alcune piccole abitudini ci si accorge che la stagione cambia.
I blog che seguo sono in gran parte foodblog o hanno comunque rimandi frequenti al cucinare: nella quasi totalità c'è una spiccata attenzione nell'utilizzare dei prodotti che naturalmente sono disponibili sul mercato, stile di vita che trovo intelligente e che manco a dirsi ho sposato anch'io :)
Ho riscoperto quest'anno un'abitudine che aveva la mia famiglia, quando ancora io e mia sorella eravamo bambine e trascorrevamo ogni fine settimana nella nostra casa in campagna: in un momento ben preciso dell'anno, che da noi si risolveva in poco più di due settimane, raccoglievamo i fiori d'acacia (sotto attenta supervisione per evitare punture varie) durante passeggiate lunghe e distese. Tornavamo a casa e li friggevamo, in una soffice pastella, la più semplice. Erano e sono buonissimi, croccanti e dolcissimi.
Questi li ho fotografati per voi, mentre ero a spasso nel mio campo segreto ;)

p.s.: le ultime due fotografie non riguardano certo l'acacia... dovrebbe essere sambuco, con le cui bacche si fa una marmellata buonissima!

8 commenti:

  1. Che meraviglia!!! Devo ricordarmene quando andrò in montagna, lì è pieno di acace, che fioriscono lontane dall'inquinamento! Quanto al sambuco... beh, darei un'occhio (non mio, magari, per esempio di mia suocera) per disporre delle bacche e fare la marmellata!

    RispondiElimina
  2. Ma dai?!?!
    Ma sai che ne ho sempre sentito parlare, ma non ho mai avuto l'occasione di provarli.
    Che caso, ne parlavo giusto ieri con la mia mamma...
    E la marmellata di sambuco?!?! Hai una ricettina da proporci?!?! ;)
    Anche io ho sposato la filosofia dei prodotti esclusivamente di stagione. Penso sia la più salutare, economica, intelligente,...
    Buon pomeriggio cara!

    RispondiElimina
  3. @Onde: che bello dev'essere... ma sopratutto profumatissimo.
    Dai un'occhiata per il sambuco, è più comune di quel che si pensa...

    @Carolina: Appena ci saranno le bacche mi metterò al lavoro e prometto solennemente di postare la ricetta della marmellata :) (dopo averla trascritta previa estorsione alla momi :DDD)

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  4. Bellissime foto!!! Ma che bella idea... sai che mi incuriosisce molto, ma che sapore hanno i fiori di acacia fritti?
    Ciao.
    Orchidea
    www.viaggiesapori.blogspot.com

    RispondiElimina
  5. che splendore!!
    per quanto riguarda i fiori di gelsomino, ti ho risposto sul mio blog :-)
    sui fiori di sambuco invece: se cerchi nel mio blog ci sono un paio di ricette in merito, una dolce e una salata. baci :-)

    RispondiElimina
  6. @Orchidea: che piacere rileggerti :) la frittura di fiori d'acacia è leggerissima, ha poco a che spartire con i classici di zucca; quelli di acacia hanno la consistenza e il peso completamente diversi data la loro struttura. Riguardo al gusto... beh... è dolce, dolce come il miele :)

    @salsadisapa: si ho letto, grazie! Ho controllato, e con sommo stupore ho constatato di averne due diverse: una tossica, l'altra no :)

    baci!

    RispondiElimina
  7. Wennycara!! e prova a friggere anche i fiori di sambuco sono strabuoniii. io invece proverò con quelli di acacia :P

    RispondiElimina
  8. @ciciuzza: ma dai??? Questa sì che è nuova :)
    grazie del suggerimento!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...