Caprifoglio a colazione

caprifoglio
La colazione per me significa darsi tempo.
Darsi tempo per ritrovare il posto proprio nella realtà. A ritmo lento, ognuno al suo ritmo.
Io sono capace di mettere la sveglia molto prima dell'ora in cui dovrò uscire proprio per "far colazione". Per leggere. Per gustarsi un dolce. E' insomma uno dei momenti della giornata che preferisco, seduta al tavolo della mia cucina rinvoltata in una vestaglia di sonno. La portafinestra dà sul giardino: nell'angola a destra c'è una delle presenze che amo di più, tanto mi è ricca di ricordi. E' una voliera alta quanto un uomo che costruì mio nonno. Ricoperta interamente da una pianta di caprifoglio, in questa stagione conosce il suo splendore: un castello incantato e coperto di neve profumata, da popolare con la fantasia mentre una fetta di fondant mi si scioglie in bocca.
Buon fine settimana a tutti.

caprifoglio

8 commenti:

  1. Che risveglio dolcissimo e profumato, cara Wenny, che ti puoi concedere ogni mattino! Altro che i miei croissant!

    RispondiElimina
  2. Che sintonia incredibile che ho con te Wenny...
    Leggendo la "tua colazione" mi ritrovo nelle tue parole. Nel ritmo lento, nella sveglia anticipata, nel "far colazione", nel leggere, nel momento della giornata che preferisco,...
    Peccato per la voliera, quella la vorrei proprio... Soprattutto se profumata di storie familiari...
    Ti auguro un buon fine settimana.

    RispondiElimina
  3. Wenny e Carolina, siamo in tre (beh, forse anche di più!)...
    Io non solo sono capace di mettere la sveglia avanti, ma nei casi in cui non mi sveglio, nei casi in cui rischio il ritardo, non lesino mai comunque sul tempo della colazione, e non metto un bocca un qualcosa da ingurgitare con un qualcosaltro e via, ma è come se quel tempo dedicato fosse fisso, incontraibile, e questo mi consola, forse è l'unico della giornata che non sobisce gli urti e le vessazioni dei tempi sovraffollati e sovraccarichi delle ore a seguire...
    buon tempo lento, a tutti, per questo finesettimana!
    p.s. wenny tu hai mai visto il film "momo"? quello con la bambina e gli uomini grigi parassiti che rubavano il tempo.... io ho visto il film a scuola un po' di tempo fa (non ricordo se alle medie o alle elementari), e qualche giorno fa ho letto il libro (michael ende, l'autore de "la storia infinita"), non so perchè, ma ho la netta impressione che sia perfetto per te... ciao, e baci!

    RispondiElimina
  4. Carissime, grazie a tutte. Le vostre parole un pochino mi imbarazzano :)
    In particolare:

    @Onde: non provare neanche a pensarci! quei croissant mi fanno una gola indicibile, credo che con il caprifoglio si valorizzerebbero a vicenda ;)

    @Carolina: si, in effetti si. Anch'io mi ritrovo nei tuoi post, è sempre un piacere leggerli; è come se ci fosse un "tocco in più" che permette alla tua scrittura di comunicare nel profondo.

    @vaniglia: idem come sopra, più ti leggo e più ho paura :D
    E' stato un bel colpaccio trovarti sul web: apprezzo molto il taglio che hai dato a vanigliacooking. Un foodblog "contaminato" e arricchito.
    "Tempo incontraibile" è un'espressione che trovo molto molto bella :)
    Riguardo a Momo: non ho visto il film nè letto il libro (e questo è grave). Dagli accenni che mi hai fatto non posso non provvedere al più presto! Grazie di aermi pensata ;)

    Tanti baci a tutte, coraggio, siamo a metà mattinata!

    RispondiElimina
  5. Le tue foto e le tue parole mi hanno fatto sognare. Io non dedico così tanto spazio alla colazione, perchè le cose sono due : 1. se devo andare a lavorare esco di soppiatto di casa alle 07.30 perchè se si sveglia Marta sono fritta, non accetta di verdermi andar via ! Ergo : il bar è obbligatorio 2. Se sono a casa allora faccio colazione con lei, che prepara la colazione per tutti e io sono la sua assistente, quindi devo trottare al suo servizio... eh cosa non si fa per questi figlietti meravigliosi !!! (io ad esempio non faccio più da 3 anni la mia bella colazione tranquilla e paciosa, sognante, profumata...) Bacioni grandi di buona settimana WennyCARA

    RispondiElimina
  6. Cara Marilì,
    che tenerezza porta questa tua storia, la dolcezza e l'amore di una mamma... è bellissimo! Dopotutto la vita è crescita, divenire. E' quindi naturale che ogni cosa acquisti coloriture sempre nuove, alla luce di ciò che interviene dentro e fuori di noi :)
    Grazie di queste tue parole!
    bacioni

    RispondiElimina
  7. Wenny, ieri pensavo, ma come avrà fatto wenny a "vedermi" nel web fin dall'inizio (perchè è da tempo immemorabile che mi sembra di conoscerti, praticamente da quando è nata vanigliacooking, vabbè sui 7 mesi..), e pure che fortuna, questa affinità elettiva... GIUSTO IERI QUESTO PENSIERO

    RispondiElimina
  8. Cara vaniglia, ci ho pensato ma francamente non so con esattezza. Quel che è certo è che sono le fotografie le "responsabili" del mio averti seguito man a mano che tiravi su vanigliacooking. Sono molto "comunicative". Poi mah... come dici tu... che fortuna per tutto il resto :)

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...