Aspetta un attimo



Forse no, forse è la coscienza di tutti i giorni di quel che accade nel mondo dove viviamo che ce ne fa parlare spesso, bene così, perchè l'informazione promuove la consapevolezza e la consapevolezza genera incontro, discussione e scambio. Positività.
Su diversi blog che seguo con crescente soddisfazione ho letto in questi giorni appunti, appelli, iniziative rivolte al consumo critico (riferito in particolare all'universo "cibo-alimentazione" ma estendibile a ogni altro aspetto del quotidiano) e alla sostenibilità, alla diffidenza verso la grande distribuzione e così via: salsadisapa ha pubblicato il link al pdf del Wwf, una "Guida al consumo consapevole dei prodotti del mare", in un post velatamente introspettivo e ammirevole la frenk manifestava il suo disappunto riguardo alcune scelte della nostra società.
Quel che mi occupa nella vita mi porta a considerare in prima battuta la questione del vivere sostenibile: si fa un gran parlare di "architettura sostenibile" che si sarebbe portatia pensare che i problemi della madre terra stiano a cuore ai progettisti, ma troppo spesso non è così. Eppure con poco ma buono si può fare molto e meglio, come dimostrano nel loro piccolo queste panchine: quasi un segno di riappacificazione (o meglio di tregua) per me con il design, che ho sempre considerato come vago e egocentrico, superficiale e troppo spesso inutilmente dispendioso.
Se diventa sostenibile lui, figuriamoci se non possiamo fare qualcosa anche noi.


Cercando in rete, tra le innumerevoli pagine al riguardo, ho trovato e scelto di pubblicare qui alcuni consigli pratici che possiamo applicare o perlomeno considerare; per i fiorentini un appunto particolare viene da Terra Futura, che promuove sul tema una mostra-convegno internazionale alla fine di maggio.
Sediamoci a riflettere.


Tutte le immagini sono tratte dal sito http://www.architetto.info/

7 commenti:

  1. Quanti fraintendimenti sul consumo critico, specialmente in questi tempi di crisi... a leggere le voci più "autorevoli" (lo metto tra virgolette perché io spesso non le trovo tali) pare che l'unica via d'uscita sia "più discount per tutti" (per la serie: bassa qualità in grandi quantità)... solo i canali alternativi (come alcuni di quelli che tu hai linkato) cercano di far ragionare la gente, ponendo l'accento sulla necessità di recuperare cultura e conoscenza. Se tutto viene pensato solo in termini economici, mica se ne va fuori!
    Un caro saluto, buon we

    RispondiElimina
  2. cara elisabetta,
    ti ringrazio del commento, sono d'accordo pienamente. Purtroppo la tendenza del discount anche qui da me si va radicando sempre più, le catene sono diverse ma la politica aziendale è chiaramente la solita. Proprio non ci riesco a entrare lì dentro!
    Grazie di essere passata, spero di rileggerti :)

    RispondiElimina
  3. Carissime, che bello sentir parlare sempre di più di questi argomenti, risolleva un po' il cuore spesso affondato in quella rassegnazione che paralizza e indurisce. Se riusciamo a far passare messaggi importanti come questo, tutto acquista un senso più compiuto. E poi secondo me le donne devono essere la chiave di volta del nuovo millennio informato dalla sapienza e dalla saggezza femminile !

    RispondiElimina
  4. Marilì,
    le tue si che sono parole sagge :)
    A proposito del modello che possono diventare le donne: mi sono accorta che senza dir nulla l'uomo di casa, complice una sua discreta sensibilità, tende a far suoi certi approcci e modi di porsi "miei" decisamente più "eco" :)
    basta davvero poco, senza sproloquiare ;)

    RispondiElimina
  5. mamma mia wenny!! sono onorata del tuo link alle mie riflessioni di qualche giorno fa.
    grazie :-))
    un bel bacio

    RispondiElimina
  6. fra tanti blog che parlano in modo più o meno esclusivo di cucina il tuo spazio è come una boccata di aria fresca. forse un blog più rispondente al significato originario del termine...un diario in cui dai libero sfogo ai pensieri senza vincoli di contenuto. A prescindere dall'importanza dell'argomento trattato, questo post mi è piaciuto molto per la scelta delle immagini, sono bellissime.

    RispondiElimina
  7. @la frenk: ma ti pare!
    bacioni

    @Moscerino: grazie, grazie di cuore, mi commuovi con queste tue parole: in effetti questi qui sono "appunti di una mente in libera uscita", senza alcuna pretesa ;)
    ciao, a presto!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...