Ancora, per quanto?

Ieri è toccato alle bacche rosa. Si sono vestite da piccole puntine e hanno cercato di tener su i drappi sfilacciati e cinerei delle nubi, che li vestono per coprire i loro ventri flaccidi e gonfi d'acqua. Una mise tremendamente demodè e fuori stagione, a detta di noi umani.
Le piccole bacche hanno portato nella mia cucina abbastanza colore da farmi sorridere mentre stamattina, in una miscela eplosiva con l'espresso, mi hanno garantito una scorta di energia che sarebbe bastata quasi certamente anche per coprire un eventuale ritardo nel pranzo.
Ma quando è troppo è troppo: dal mio tavolo ho una vista su una bella fetta del giardino, vederlo così triste e spento sotto quell'acqua incalzante mi ha stretto il cuore. In un momento di tregua, noncurante del mio raffreddore e del mal di gola incipiente, sono scappata sul terrazzo e ho fatto qualche scatto: tutto di lui sembra intristito, i colori sono più cupi e quà e là giacciono le spoglie dei doni dell'autunno.
Hai tutta la mia solidarietà.

10 commenti:

  1. Arriverà anche la primavera, vedrai. E forse prima di quanto si pensi in questi freddi e umidi giorni di Gennaio :-)

    p.s. il traduttore in effetti riesce a scrivere delle cose assurde ma mi sto accorgendo che molto dipende anche da come è scritta la versione italiana: più è scritta in modo semplice e più lui traduce bene. E' naturale che con i miei folli scritti lui possa quindi avere qualche problemuccio ;-)))

    RispondiElimina
  2. Ciao, sono contenta di essere stata utile per il mimolette.
    Buona spesa

    RispondiElimina
  3. I geranei sono tutti incelofanati, il peporoncino è un ramo marrone tutto smunto e bagnato...ma il prezzemolo germoglia, i giacinti spincono la terra e i ciclamini sfavillano...tutto in attesa della primavera!

    RispondiElimina
  4. Beh, hai visto, oggi il tempo, per pochi minuti, è parso migliorare... Adesso non saprei, perché dal mio ufficio il cielo non si vede... e forse preferirei vedere un cielo pesante di nubi grige, che non vederlo mai...

    RispondiElimina
  5. @gallinavecchia: i tuoi lazzi e starnazzi che seguo sempre con gran gusto sono inarrivabili ;)

    @Laura: utilissima, grazie ancora!

    @Fra: hai reso perfettamente l'atmosfera ;)

    @Onde99: ti capisco bene... la luce che riflette il cielo, per poca che sia, è così confortevole rispetto a quella artificiale...

    buona giornata a tutte!

    RispondiElimina
  6. Ciao:) Scopro con piacere il tuo blog, ero venuta a ringraziarti per i complimenti, ma credo che tornerò presto:)

    RispondiElimina
  7. Qui nevica ancora e noi oggi andiamo a farci una sciatina. Peró quando arriverá la primavera sará una festa!
    Ciao,
    iLa

    RispondiElimina
  8. Tutta questa pioggia... ho sempre i piedi e le mani ghiacciati... mi pare che anche l'abete di fronte a casa sia stufo di essere sempre sommerso da valanghe d'acqua!!! comunque cara wennycara facciamoci coraggio che tra un attimo è primavera :-)))

    RispondiElimina
  9. Tieni duro e pensa a me quassú, quasi al Polo Nord, dove l'inverno é lunghissimo e la primavera quasi inesistente ;)
    Il sole arriverá, tieni duro!
    Un abbraccio,
    Lucy

    RispondiElimina
  10. @sweetcook: benvenuta, ci leggiamo presto allora, o qui o là da te ;)

    @ila: due fiocchini però potrebbe farli anche qui... ma forse è meglio non scomodarlo ;)

    @la frenk: cara ho anch'io l'abete di fronte alla cucina... coraggio si!

    @Lucy: ma ciao! bentornata!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...