Orange cake


Le feste ancora non sono arrivate o perlomeno questo è quello che dice il calendario. Eppure sono già riuscite a cogliermi impreparata e giocarmi il primo tiro. Dicembre è un mese ricco di compleanni per me, che sommandosi alle festività comandate si trasforma in un vero e proprio titano da fronteggiare con un'organizzazione puntigliosa...
Niente da fare.
Uno a zero palla al centro per lui.
Un paio di giorni fa ero rimasta bloccata con dolori muscolari: una marionetta alla guida forzata in confronto a me sarebbe stata la Fracci sul palcoscenico. Che disastro! Ieri la rivelazione: sale grosso rovente in un calzino di spugna tenuto finchè non si intiepidisce sul muscolo dolorante. Funziona a meraviglia, peccato che mi abbia trascinato in una spirale di nullafacenza e ozio pateticamente giustificato ai miei occhi. Con un compleanno da festeggiare lunedì, perdere un giorno è disastroso: niente carta da regalo, niente chiudipacco e bigliettino ma quel che è peggio... niente torta. Nessuna idea. Ho spulciato diligente i miei blog preferiti, ma a causa di un'incontrollabile senso di inadeguatezza di fronte a tanta bravura ho spento il portatile e mi sono affidata a quella notte che è tanto brava e gentile da portare consiglio.
Così la mattina alle sette e mezzo mi sono alzata, consapevole di dover andare a comprare soltanto quattro uova.
Buon we a tutti!

Torta alle arance
Ingr. x uno stampo da 26 cm di diametro

farina 180 g
zucchero semolato bianco 150 g
burro a temperatura ambiente 125 g
uova 4
succo d'arancia filtrato 1 bicchiere
lievito per dolci 1 bustina
scorza d'arancia 1 frutto grattugiato
polvere d'arancia una presa
sale 1 presa

per lo sciroppo
succo d'arancia 1 bicchiere
zucchero semolato bianco 1/4 di bicchiere
acqua 1/2 bicchiere
scorza d'arancia 1 frutto grattugiato

Lavorare a crema burro e zucchero poi unite uno ad uno i tuorli; in un'altra ciotola setacciate tutti gli ingredienti asciutti, unite la scorza e la polvere d'arancia. Unirli a pioggia al composto della prima ciotola, mescolare aiutandosi con il succo d'arancia. Montare a neve ben ferma gli albumi con una presa di sale e incorporarli poco alla volta all'impasto, mescolando dal basso verso l'alto. Trasferire tutto nella tortiera e infornare per circa 50 minuti; fate la prova stecchino.
Per preparare lo sciroppo, versate tutti gli ingredienti in un pentolino, portate a bollore e lasciate sobbollire per 10 minuti o poco più. Quando la torta sarà intiepidita, spennellatela con lo sciroppo.

p.s.: niente foto stavolta... zero tempo e zero luce, visto che piove ancora a dirotto!

5 commenti:

  1. ciao bellezza, niente foto, poco male! l'immagine è bellissima intonatissima astratta e reale quanto basta a farti venir voglia di immaginare come sarà, questa torta autunnale... io ho già voglia di farla!
    e mi fai pensare a me, alle prese con la cucina che dopo le 16, di questi tempi, è un attimino poco fotografabile!
    per il resto sono tornata, vorrei parlare e cucinare un sacco di cose, e inveve con il natale ci sono i lavori da chiudere, le consegne, un sacco di libri di ricette di cui vorrei parlare, e molte ricettine natalizie cui prestare attenzione. In più si avvicina un trasloco, e non so nemmeno quando potrò avere una cucina che stia in piedi (ovvero stiamo cercando per lo meno di rendere agibili bagno e camera....): questo mi terrorizza.
    ;-)
    ti mando un abbraccio, ben trovata.

    RispondiElimina
  2. grazie cara :)
    anch'io sono già fuori fase :/
    ci sono tante ricette in lista, cavalli di battaglia, vecchie conoscenze e novità da sperimentare... manca il tempo ecco che, e anche un ragazzino tuttofare che frulla a comprarti burro, uova, quella farina strana che non riesco a trovare lo zenzero candito e via :D
    in bocca al lupo per il trasloco ;)

    RispondiElimina
  3. Conosco bene quel senso di inadeguatezza (meno il fantastico rimedio da tenere a mente del sale grosso), per fortuna tutto passa. L'importante è ricominciare, anche solo con una profumatissima torta all'arancia :)

    RispondiElimina
  4. Deliziosa, la proverò sicuramente! Complimentissimi per il blog! :)

    RispondiElimina
  5. @Antonella: verissimo, la cucina e il cucinare sono terapeutici ;)
    @Sheryl: grazie! che bello leggerti qui, passa quando vuoi sei la benvenuta!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...