Post notturno


E' tanto che non scrivo di sera.
Di notte, in verità.
Qualche anno fa mi capitava spesso; risalgono a quell'epoca i miei racconti poi pubblicati sul Mid.
La notte c'è un'altra luce: la lampada che per qualche ora prima di cena è rimasta accesa per permettermi di lavorare adesso occhieggia in disparte, rilasciando una coperta ambrata sulle superfici degli arredi, su scatole, libri, riviste, fogli sparsi.
Sentire lo scorrere delle dita sulla tastiera e essere rassicurati dal continuo clicchete clicchete delle lettere bianche premute e rilasciate. Quando tacciono non c'è da preoccuparsi: la notte per lo scrittore è un'amica e una consigliera, se i paraggi sono silenziosi significa che quelle dita si stanno scaldando attorno a una tazza di porcellana che respira profumatamente.
Scrivere in vestaglia poi. Che gusto!

5 commenti:

  1. Il tuo post mi ha suggerito la visione dello scrittore che nottetempo veglia sulla memoria del mondo ... e cosa potevo agiungere se non quanto segue... :D

    In quest'ora della notte ascolto
    quello che di giorno non si ode,
    quel silenzio che tutto ha ormai avvolto
    e del tutto diviene suo custode.

    e anche se la città mia adesso dorme
    il mio vegliar del mondo fa memoria,
    e quando il giorno riavrà addosso le sue forme
    ci sarà lì pronta un'altra storia.

    RispondiElimina
  2. io parlo da disegnatrice, e non da scrittrice, e mi riviene in mente quando fino a qualche anno fa ancora si progettava "a mano". Allora era bellissimo disegnare di notte, al tavolo, e sentire il rumore dello scorrere della matita, o il pennino (ma io adoravo disegnare a matita), sulle squadre del tecnigrafo.... Era l'alba in un attimo!

    RispondiElimina
  3. @ziomick: complimenti, vedo che non hai perso proprio niente :)
    ci ritroveremo lungo la via abbi fiducia!
    @vaniglia: ti capisco benissimo, le nottate le conosco fin troppo: ti dirò, purtroppo si ormai si usano i computer ma la mia vita votata al resstauro resiste con il pic picpic del pennino per il puntinato :) (sugli A0, nota bene :D)
    grazie del post professionale!

    RispondiElimina
  4. ma quanta poesia tra queste pagine...e non solo la tua, anche quella dei tuoi visitatori. io quasi mi vergognavo a lasciare un commento "leggero" e scontato....però ho deciso di farlo perchè volevo complimentarmi con te. bellissima immagine, molto evocativa. e belli anche i versi di ziomick

    RispondiElimina
  5. Moscerino BENVENUTA!
    A dirti la verità anch'io ero un pò dubbiosa sul commentare o meno il tuo blog, mi pareva che fosse inopportuno lasciare "una presentazione e un complimento" tra le righe di persone che oramai si conoscono/commentano da tempo: ma blogger serve proprio a questo no?
    Your comments feed my blog ;) quindi davvero piacere di conoscerti e non farti remore di passare di qui e di scrivere, se te la senti (io farò altrettanto sul brodo di giuggiole).
    ciao e buon we!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...