Firenze si sveglia


Stamattina proprio non ce l'ho fatta. Come spesso accade da qualche mese a questa parte, poco prima delle otto sono uscita di casa in via de' Cerchi ancora un po' assonnata. Sapevo di avere tempo e di non dovermi precipitare sui viali per evitare di trovare le ganasce alla mia auto, dato che ne ho una "in prestito" per qualche settimana, con il tronfio permesso giallo della ztl zona centro, che mi permette di viaggiare indisturbata per tutta Firenze. Con la digitale in borsa, è stato inevitabile provare a fare qualche scatto. Per raggiungere piazza de' Giudici sull'Arno devo percorrere stradine storiche, che si snodano toccando piazze monumentali offrendo al contempo scorci della vita quotidiana, del fare dei bottegai e di chi si reca al lavoro. La luce che investe questa parte di Firenze la mattina rende abbacinanti i marmi di piazza della Signoria, scoprendoli dall'ombra di Palazzo Vecchio; subito dietro, in san Firenze come del resto ovunque, vengono sistemati i tavolini delle caffetterie, mentre i rifornitori scaricano la loro merce rapidamente.
Percorro via de' Neri, e piano piano si mostra una vecchia signora che sonnecchia: la Biblioteca Nazionale. Arrivati qui si impone decisamente una breve deviazione, per farvi affacciare sulla cappella de' Pazzi del Brunelleschi e ovviamente su Santa Croce.








































































Altri due passi e arrivo sui viali. Salgo in macchina, Firenze è ormai sveglia.

Mi scuso per le fotografie ma d'altronde la mattina è categorica: la città si sveglia con questi toni ombre e luci.

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...